Modena, cardiologo e figlio sfregiati con l’acido

Eleonora Gitto

A Modena uno sconosciuto ha sfregiato con l’acido il cardiologo Stefano Tondi e suo figlio.

Il dottor Stefano Tondi è il Direttore del reparto cardiologia di Baggiovara.

Giovedì sera i due sono stati aggrediti da uno sconosciuto che nel gettare sul volto del professionista dell’acido, ha colpito anche il figlio che gli camminava a fianco.

Tondi è ora ricoverato in prognosi riservata. Lucia Musti, Procuratore Capo a Modena, così spiega: “Questa sostanza acida ha colpito il dottore agli occhi. Con lui c’era il figlio, che è stato colpito a sua volta. E’ un fatto gravissimo, procediamo al momento contro ignoti per il reato di lesioni gravi, che potrebbero anche essere, speriamo di no, gravissime”.

“Stiamo svolgendo, prosegue il magistrato, ogni tipo di indagine a partire da questa notte, in qualunque settore. Il primo dato che abbiamo accertato è che è stato un testimone portante nel processo di Cardiologia ora in corso. Questo non vuol dire assolutamente nulla, però capite che quando si fanno le indagini si parte sempre da un dato, e lui è stato sentito il 25 giugno in Tribunale a Modena”.

L’agguato è avvenuto a Vignola, nei pressi dell’abitazione del Tondi. A detta del Professor Gianmaria Cavallina, la situazione sembra sotto controllo ma c’è il rischio che la soda caustica utilizzata possa causare la perdita della vista.

Next Post

Torino, scandalo all’Università: professore pretende certe prestazioni

Scandalo all’Università di Torino un professore è accusato di ricattare una studentessa: chiedeva certe prestazioni in cambio di voti alti. Un professore di Giurisprudenza della città piemontese avrebbe ricattato una sua alunna promettendole il massimo dei voti in cambio di prestazioni sessuali. Il professore, un quarantasettenne, avrebbe dovuto essere il […]
Torino, scandalo all’Università: professore pretende certe prestazioni