Monza, assolto killer che cercò di sterminare la famiglia col tallio

Se è vero che le motivazioni alla base di sentenze e decisioni giudiziarie non sempre sono facilmente comprensibili e per questo facilmente biasimabili, mai come in questo caso è difficile comprendere come si possa aver deciso di rimettere in libertà un uomo che ha cercato nientemeno di sterminare la sua intera famiglia, riuscendoci in parte.
La notizia è già rimbalzata su tutti i media: Mattia Del Zotto, 28 anni, è stato assolto dal Gip del Tribunale di Monza perché ritenuto totalmente incapace di intendere e volere al momento dei fatti, come lo hanno definito il perito incaricato dal giudice e quello della difesa.
L’uomo, nel 2017, acquistò del solfato di tallio su internet da un’azienda di Padova, poi lo disciolse nelle bottiglie di acqua custodite nella cantina della villa di Nova Milanese (Monza) dove abitava con genitori, nonni, zii e una badante, avvelenando tutti tranne mamma e papà, perché voleva «punire gli impuri».
Sei rimasero avvelenati, mentre in tre persero la vita: Giovanni Battista Del Zotto, Maria Gioia Pittana e Patrizia Del Zotto.
A quanto pare, però, familiari sopravvissuti del giovane, ancora residenti nella stessa villetta di Nova Milanese, “hanno preso bene la sentenza, sapendo perfettamente che il giovane abbia bisogno di essere curato”.

Potrebbero interessarti

Trapani, mafia: Bcc di Paceco commissariata

A Trapani gli inquirenti verificano problemi di mafia con la banca Bcc…

Ortona, anziana violentata in spiaggia da un somalo

Se già una violenza sessuale è di per sé un atto deplorevole…

Imola, Gratta e Vinci: investe 5 euro e ne vince 500mila

Compra un “Gratta e Vinci” da 5 euro e ne vince 500mila:…

Meteo, Sardegna: attenzione da sabato gelo e neve

Le previsioni meteo suggeriscono di fare molta attenzione in Sardegna perché da…