Morte, il nostro cervello la percepisce negli ultimi istanti

Se siete dei tipi facilmente impressionabili, evitate accuratamente di leggere questa notizia: gli scienziati sono infatti arrivati ad una conclusione alquanto “inquietante”, che di certo non farà piacere a nessuno.

Ognuno di noi, naturalmente, ha una propria idea di morte, legata o meno alla religione e alla spiritualità, ma in questo caso si parla di una questione prettamente “fisica”: quando sarà il nostro momento, a quanto pare il nostro cervello percepirà la nostra stessa morte.

La notizia è stata lanciata dal ‘Daily Star’, che ha riportato le parole del Dottor Sam Parnia, una delle massime autorità sullo studio scientifico della morte, sul rapporto mente-cervello umano, e sulle esperienze ai confini della morte.

Secondo l’esperto, ognuno di noi ‘sa’ di essere morto dopo la morte perché il cervello continua a funzionare anche dopo che il cuore si ferma.

Una persona può quindi essere ‘consapevole’ di ciò che sta accadendo: per un breve periodo, si sentirà come ‘intrappolata’ all’interno del proprio corpo senza vita mentre il cervello è ancora funzionante.

Potrebbero interessarti

Informazione e igiene per prevenire il citomegalovirus in gravidanza

Per le donne in attesa vi sono pericoli nascosti ovunque, per se…

Lombardia, negli ospedali non si entra col burqa

Se il fondamento di ogni pacifica convivenza è il rispetto reciproche e…

Emicrania, approvato il primo farmaco specifico contro questa patologia

Circa il 2% della popolazione globale si trova a soffrire di emicranie…

Occhio umano ci permette di vedere molto più di centinaia di animali

L’apparato visivo presenta uno dei meccanismi più complessi del corpo umano: l’occhio, composto…