Nasa, la realtà dietro la cospirazione del falso sbarco sulla Luna
Nasa la realta dietro la cospirazione del falso sbarco sulla Luna

Uno scienziato della NASA ha rivelato alcuni particolari legati alla cospirazione del finto sbarco sulla Luna.

La Nasa non è tornata sulla Luna dal 1972, generando così molte teorie e cospirazioni sull’atterraggio sulla Luna e sul perché l’agenzia spaziale americana non abbia più messo in conto missioni sul nostro satellite.

Il 20 luglio 1969, gli astronauti della NASA Neil Armstrong e Buzz Aldrin furono i primi uomini a camminare sulla superficie lunare. Solo tre anni dopo, nel dicembre 1972, gli astronauti dell’Apollo 17 Gene Cernan e Harrison Schmitt furono gli ultimi. Dai 50 anni dall’atterraggio sulla Luna, l’esplorazione dello spazio, da parte di esseri umani, è stata limitata alla bassa orbita terrestre poiché gli umani vivono sulla Stazione Spaziale Internazionale (ISS) da quasi 20 anni.

L’apparente mancanza di progressi nell’invio di equipaggi sulla Luna ha portato molti a chiedersi se l’atterraggio sulla Luna sia mai avvenuto.

Ancora più stranamente, molte persone hanno suggerito nel corso degli anni che la NASA è andata sulla Luna, ma qualcosa ha impedito all’agenzia di tornare.

Un mito popolare tra i teorici della cospirazione online è che Armstrong sia stato testimone di qualcosa sulla superficie della Luna che ha costretto l’agenzia spaziale americana a modificare drasticamente i suoi piani.

Vale a dire, alcune persone credono che l’astronauta abbia riscontrato la presenza di civiltà aliene sulla Luna.

Missione spaziale Apollo sulla superficie lunare.

Il 18 dicembre 2007, la NASA è stata sfidata ad affrontare la teoria, mettendo a tacere le voci di una base aliena sulla Luna.

Una domanda posta al NASA Lunar Science Institute diceva: “Se questo non è vero che Armstrong ha visto campi base alieni sulla Luna, allora perché la NASA non ha in programma una stazione base sulla Luna e non ci sono state missioni lunari negli ultimi 20 anni circa ?”

Alla domanda ha risposto il dott. David Morrison, un astrofisico che all’epoca prestava servizio come direttore ad interim per l’istituto, ora Istituto Virtuale per la Ricerca sull’Esplorazione del Sistema Solare.

Ha detto: “Anche se non lo verresti mai a sapere, secondo la prospettiva distorta di alcuni gruppi che pubblicano affermazioni su Internet, non ci sono prove scientifiche di UFO o alieni, né artefatti alieni sono stati visti dall’Apollo o da qualsiasi altra missione spaziale e tali affermazioni false sono irrilevanti per la politica spaziale degli Stati Uniti o della NASA

Ci sono molte questioni complesse che hanno determinato il nostro programma spaziale umano negli ultimi 30 anni, principalmente per quanto riguarda la politica, la tecnologia e la disponibilità di finanziamenti“.

La NASA è tornata verso i voli umani sulla Luna in risposta alle iniziative del Congresso e del Presidente. I gruppi marginali che credono negli UFO e negli alieni non influenzano fortunatamente la politica spaziale della NASA.”

Lo scienziato ha quindi affrontato una domanda simile nel novembre dello stesso anno.

Una persona ha chiesto: “La mia prima domanda è che dopo che Neil Armstrong sono stati inviati altri missionari sulla Luna?

In secondo luogo, che dire del fatto che ci sono alieni sulla Luna sull’altra faccia, come menzionato da Neil Armstrong, che avrebbe visto un campo base alieno? Quanta è vera questa affermazione?

Il dottor Morrison ha risposto: “Non è vero. Dodici astronauti dell’Apollo americano sono atterrati sulla Luna tra il 1969 e il 1972, come descritto in diverse risposte passate” .

Non c’erano alieni sulla Luna. Armstrong e altri astronauti dell’Apollo non videro prove di alieni né sul lato vicino né sul lato più lontano della Luna“.

Credimi, la realtà è più interessante di questo tipo di fantasia e inoltre è reale.”

Il programma Apollo della NASA è stato interrotto a causa di drastici tagli al bilancio che hanno reso impossibile lo sforzo di un ulteriore sbarco sulla Luna.

Tra il 1969 e il 1970, allora l’amministratore della NASA Thomas Paine annullò tre missioni Apollo.

Gli obiettivi dell’agenzia spaziale sono stati quindi riorientati nel costruire una stazione spaziale operativa in orbita terrestre bassa.

Un razzo Saturno V inutilizzato proveniente da una delle missioni annullate fu riproposto e trasformato in Skylab, la prima stazione spaziale degli Stati Uniti.

Skylab è stato operativo per circa 24 settimane tra il 1973 e il 1974.

Loading...
Potrebbero interessarti

Honor Magic, lo smartphone pronto a sfidare Google Pixel

Si chiama Honor Magic lo smartphone pronto a sfidare Google Pixel. La…

Samantha Cristoforetti ora fa i conti con la gravità

Eccola nuovamente fra noi l’aspettavamo già da diverso tempo, ma come in…