NDE: Aldilà non è altro che un viaggio nell’universo
Aldila non e altro che un viaggio ne universo

Un uomo dichiarato morto, crede di aver visto l’intero Universo in una sola visione.

Una persona conosciuta come Lee era stato dichiarato clinicamente morta – e crede di aver visto uno scorcio dell’aldilà. Invece della solita visione di prati o soffici nuvole bianche, Lee afferma che l’aldilà consiste nell’avere una visione dell’Universo.

Lee ha avuto la sua esperienza di pre-morte dopo essere scivolato in un coma indotto dal diabete, e ora crede di avere una maggiore comprensione del cosmo.

Scrivendo sulla Near Death Experience Research Foundation, Lee ha detto: “Sono stato subito sparato via dal mio corpo, ma non ero al di sopra di me stesso”.

Era come se fossi una sorta di energia, e stavo volando via dalla terra. Poi sembrava come se stessi volando via dal sistema solare“.

Poi ho iniziato a volare via più velocemente e ho visto sciami di stelle come se fossero galassie volare via da me“.

Poi sembravano raggrupparsi in enormi branchi come se fossero universi separati o qualcosa del genere“.

Era come se là fuori ci fosse una forza o energia molto più grande di qualsiasi altra cosa che conosciamo, e avevo un enorme senso di comprensione del significato della vita, è allora che mi è sembrato di rispondere a tutte le domande ad una velocità fenomenale!

Mentre stava accadendo, ricordo di essermi sentito molto eccitato e di aver pensato tra me e me ‘Ecco perché siamo qui!

Ed era così reale, ma la mia comprensione non mi è stata spiegata“.

A causa di questa esperienza, la mia visione della vita dopo la morte va da qualche parte ben oltre il pianeta terra e la nostra energia probabilmente passa a un’altra dimensione o un universo diverso“.

Mentre Lee crede di aver visto l’aldilà, gli scienziati ritengono che esperienze di pre-morte come questa siano il risultato di un’ondata di attività cerebrale mentre ci si avvicina alla morte.

I ricercatori dell’Università del Michigan hanno indotto l’arresto cardiaco clinicamente nei ratti monitorando contemporaneamente la loro attività cerebrale.

Sono rimasti sbalorditi nello scoprire che l’attività cerebrale è aumentata negli ultimi 30 secondi della loro vita.

Jimo Borjigin, PhD, professore associato di fisiologia molecolare e integrativa e professore associato di neurologia, ha dichiarato: “Questo studio, eseguito su animali, è il primo che tratta di ciò che accade allo stato neurofisiologico del cervello morente“.

Abbiamo pensato che se l’esperienza di pre-morte deriva dall’attività cerebrale, i correlati neurali della coscienza dovrebbero essere identificabili negli esseri umani o negli animali anche dopo la cessazione del flusso sanguigno cerebrale“.

In sostanza, se il cervello è più attivo, si potrebbero avere visioni vivide, che li portano a credere di aver visto l’aldilà.

Il dott. Borjigin ha aggiunto: “La previsione che avremmo trovato alcuni segni di attività cosciente nel cervello durante l’arresto cardiaco è stata confermata dai dati“.

Loading...
Potrebbero interessarti

Dresda: è emergenza per l’estremismo nazista

Solo nelle scorse ore vi abbiamo raccontato di come in Senato si…

Quarantena, gli animali dello zoo rischiano la morte per mancanza di cibo

Il coronavirus potrebbe essere mortale anche per molti animali, in questo caso…