Nuove civiltà e sistemi stellari mai ipotizzati prima
Nuove civilta e sistemi stellari mai ipotizzati prima

A differenza del nostro Sistema Solare notevolmente piatto, con i suoi pianeti che orbitano tutti sullo stesso piano, il sistema stellare alieno GW Orionis, situato a soli 1.200 anni luce di distanza nella costellazione di Orione, ha tre stelle e un disco deformato di anelli inclinati che li circondano. “Dal momento che più della metà delle stelle nel cielo sono nate con uno o più compagni“, dice l’astronomo Alexander Kreplin dell’Università di Exeter a proposito di nuove ricerche pionieristiche che hanno rivelato la prima prova diretta che un sistema a tre stelle può distruggere il loro pianeta.

Tutti i pianeti formati all’interno dell’anello disallineato orbiteranno attorno alla stella su orbite altamente oblique e prevediamo che molti pianeti su orbite oblique e ad ampia separazione verranno scoperti nelle future indagini di imaging planetario“, ha aggiunto Kreplin.

Per arrivare a queste conclusioni, un team delle Università di Exeter e Leicester ha osservato il sistema stellare GW Orionis per oltre 11 anni e ha mappato l’orbita delle stelle con una precisione senza precedenti. “Abbiamo scoperto che le tre stelle non orbitano sullo stesso piano, ma le loro orbite sono disallineate l’una rispetto all’altra e rispetto al disco“, ha detto il membro del team Alison Young.

Un team internazionale di esperti, guidato dagli astronomi dell’Università di Exeter, ha identificato GW Orionis dove la formazione dei pianeti potrebbe avvenire in anelli di polvere e gas inclinati all’interno di un disco circumstellare deformato attorno a più stelle sulla base delle osservazioni con il Very Large Telescope dell’European Southern Observatory (VLT), il Center for High-Angular Resolution Astronomy Telescope Array (CHARA) della Georgia State University e l’Atacama Large Millimeter / submillimeter Array (ALMA).

Siamo davvero entusiasti che il nostro nuovo imager MIRC-X abbia fornito la vista più nitida mai vista di questo intrigante sistema e abbia rivelato la danza gravitazionale delle tre stelle nel sistema. Normalmente, i pianeti si formano attorno a un disco piatto di polvere e gas vorticosi, ma le nostre immagini rivelano un caso estremo in cui il disco non è affatto piatto, ma è deformato e ha un anello disallineato che si è staccato dal disco “, ha detto Stefan Kraus , professore di astrofisica presso l’Università di Exeter, che ha guidato la ricerca pubblicata su Science .

Invece è deformato e ha un anello disallineato che si è staccato dal disco. L’anello disallineato si trova nella parte interna del disco, vicino alle tre stelle. L’effetto è che la vista di un potenziale pianeta all’interno di questo anello assomiglia notevolmente a quella di Tatooine, famoso in Star Wars “.

Il team ha osservato il sistema con lo strumento SPHERE sul VLT dell’ESO e con ALMA, ed è stato in grado di visualizzare l’anello interno e confermare il suo disallineamento, rivelando che questo anello interno contiene 30 masse terrestri di polvere, che potrebbero essere sufficienti per formare pianeti. Il team ha osservato le ombre che questo anello proietta sul resto del disco. Questo li ha aiutati a capire la forma 3D degli anelli e la geometria complessiva del disco.

Loading...
Potrebbero interessarti

Test: pochi riescono ad individuare le differenze

Secondo le statistiche ben il 95% delle persone non riesce a individuare…

Elefante, ecco il perché della sua caratteristica pelle

Certamente vi sarà capitato, se non da vicino, almeno nei film e…