Oggi lo sciopero generale del personale medico

Come annunciato, oggi, mercoledì 16 dicembre, il personale medico di tutta Italia incrocia le braccia, per uno sciopero generale proclamato da tutte le sigle sindacali.

Negli ospedali funzioneranno solo le sale operatorie dell’emergenza, mentre ambulatori e centri distrettuali rinvieranno le visite di un giorno: anche i pazienti in attesa di intervento slitteranno di posizione nella lista d’attesa.

“Scioperiamo per il diritto alla salute e il diritto al lavoro. Perché le due cose non sono scindibili. La sorte della sanità pubblica non è separata dalla sorte dei medici pubblici. O stanno insieme o crolla tutto”, dichiara il segretario nazionale dell’Anaao Assomed Costantino Troise .

Solo in Campania, una delle regioni che più soffre la situazione, al momento, ricordiamo, sono 722 i precari con contratto a termine. Nel frattempo, l’esercito degli oltre 15mila che hanno lasciato per la pensione (negli ultimi 8 anni) non è stato sostituito. E per far funzionare la macchina della sanità occorre la riassunzione almeno del 70% di quelli che sono andati via per raggiunti limiti di età.

La protesta copre comunque tutti i problemi generali della sanità, tra cui le assunzioni rappresentano solo una parte: un altro tassello è costituito dai tagli che i medici denunciano nella legge di Stabilità, “che porteranno a un’ulteriore riduzione delle prestazioni ai cittadini”.

Dopo oggi, la battaglia dei sindacati ripartirà poi a gennaio, con i medici pronti a dichiarare altre due giornate di sciopero e altre forme di protesta.

Potrebbero interessarti

Incidenti stradali causati molto da apnee notturne

Secondo un nuovo studio dell’AAA, i guidatori che “crollano” al volante causano…

Torino, primo trapianto di reni da sveglio

Torino. Per la prima volta in Italia, è stato trapiantato un rene…