Ostriche, attenzione ai lotti contaminati con biotossine

Ci sono alcuni cibi, tra cui spiccano le ostriche ma anche i prodotti ittici in generale, che andrebbero mangiati sempre ben cotti: da crudi, infatti, possono portare ad intossicazioni e infezioni anche molto gravi.

Le ostriche crude in sé e per sé ovviamente non fanno male, il problema è che, come tutti i molluschi bivalvi (cozze e vongole per esempio), si nutrono “filtrando” l’acqua di mare. Se quest’ultima è inquinata o contaminata da tossine, virus e batteri, è facile che essi passino ai molluschi e provochino a chi li mangia tutta una serie di sgradevoli e più o meno gravi sintomi.

Altamente ecosostenibili, le ostriche sono allevate soprattutto nelle zone costiere e vicino alle lagune: grazie alla loro funzione di filtraggio e purificazione delle acque, da qualche tempo, si parla di oyster-tecture per indicare il loro utilizzo nella costruzione di barriere utili alla depurazione dell’ecosistema marino.

Fondamentale, quindi, è scegliere delle ostriche dalla freschezza assicurata. Per prima cosa bisogna far attenzione al loro peso: se sono troppo leggere vuol dire che non contengono sufficiente liquido e che quindi sono sicuramente morte. Le ostriche fresche sono quelle che, una volta aperte, contengono molto liquido e hanno una polpa che si stacca facilmente dalle pareti della valva. Un altro suggerimento per riconoscere un’ostrica sana è osservarla e annusarla: se è chiusa bene e se il guscio ha un buon profumo di mare allora quasi sicuramente è un’ostrica di qualità.

La legge, naturalmente, obbliga gli allevatori ad eseguire controlli completi e frequentissimi sui loro prodotti, nonché a sottoporre i molluschi a varie fasi di decontaminazione in vasche apposite.
Inoltre si stanno sviluppando sempre più strumentazioni per la pastorizzazione ad alta pressione, che non uccide le ostriche, ma elimina i microorganismi pericolosi.

Ostriche attenzione ai lotti contaminati con biotossine

Ostriche-attenzione-ai-lotti-con-biotossine

Eppure il pericolo è sempre dietro l’angolo: il Ministero della Salute ha infatti appena ordinato il ritiro delle ostriche concave per rischio chimico dovuto alla presenza di biotossine algali Psp oltre i limiti.

Nello specifico, si tratta delle ostriche di Bonapesca srl, con sede stabilimento in via dell’Industria 22 a Goro, provincia di Ferrara, numero identificativo del produttore IT 359 CE: si tratta dei lotti 8144024312 e 8144024313, vendute in cassette di legno da 3 kg. Le ostriche non recano la data di scadenza perché deve essere vivo e vitale al momento dell’acquisto.

Nelle ostriche sono state riscontrare biotossine Psp (Paralytic Shellfish Poisoning) che sono responsabili di un’intossicazione paralizzante e che si trovano in molluschi e in particolare in cozze e ostriche, che filtrano con l’acqua anche le alghe: la saxitossina provoca paralisi muscolari.

I primi sintomi (ad esempio nausea, vomito, mal di testa, intorpidimento, fino a paralisi vere e proprie) si manifestano dopo mezz’ora dall’ingestione.

A scopo precauzionale e al fine di garantire la sicurezza dei consumatori, Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, ha raccomandato a coloro che hanno acquistato il prodotto con medesimi lotti di appartenenza, di NON consumarli e di riportarli al punto vendita che provvederà al rimborso.

Next Post

Trapianto di testa, scientificamente possibile

Quando si parla di clonazione entra in gioco un dilemma tra scienza ed etica, così come quando si parla di trapianto di testa corrono brividi dentro di noi che ci portano a pensare se mai tutto questo sia possibile e soprattutto se sia eticamente corretto, la risposta è che, almeno […]
Trapianto di testa su un uomo vivo