Pablo Escobar, dopo la morte in eredità degli ippopotami

Redazione

Da quando il boss del crimine colombiano è stato ucciso a 44 anni nel 1993, degli enormi ippopotami sono stati lasciati a vagare per le zone umide tropicali intorno alla sua lussuosa tenuta.

Il famigerato signore della droga Pablo Escobar sarà anche morto, ma ha lasciato una incredibile eredità definita degli “ippopotami della cocaina” che continuano a causare caos nella sua ex patria 30 anni dopo.

Il boss del crimine colombiano ha accumulato una fortuna di miliardi di euro negli anni ’80 e ’90 quando il suo temuto cartello di Medellín monopolizzava il commercio di cocaina negli Stati Uniti.

Pablo Escobar dopo la morte in eredita degli ippopotam
Pablo Escobar (foto@Wikimedia)

Ha usato alcuni dei suoi guadagni illeciti per costruire uno zoo privato illegale pieno di creature esotiche, comprese animali provenienti dall’Africa potenzialmente mortali.

Ma da quando è stato ucciso a 44 anni nel 1993, gli enormi ippopotami sono stati lasciati a vagare per le zone umide tropicali intorno alla sua ex tenuta di lusso, prosperando.

Alcuni degli animali da cinque tonnellate hanno attaccato le persone che vivono localmente e il loro numero crescente sta minacciando l’ambiente della regione.

La scorsa settimana, gli scienziati hanno rinnovato le loro richieste di abbattere gli animali prima che il loro numero diventi incontrollabile.

Escobar, il soggetto della serie di successo Netflix Narcos, è uno di una miriade di baroni del crimine che si sono forniti di animali pericolosi e animali domestici insoliti nel corso degli anni.

Soprannominato il re della cocaina, la sua carriera di trafficante di droga lo ha visto diventare il settimo uomo più ricco del mondo, mentre conduceva spietatamente rapimenti, omicidi e attentati.

Ma Escobar aveva anche un debole per gli animali, importando illegalmente una miriade di creature in Colombia, che teneva nel suo vasto ranch Hacienda Napoles di 5.500 acri.

La proprietà vantava ville, sei piscine, un hovercraft, un aeroporto privato, una pista da corsa, un’arena e un cancello d’ingresso sormontato dall’aereo che aveva usato per fare la sua prima spedizione di droga.

Eppure il massimo orgoglio e gioia di Escobar era il parco naturale personale della sua tenuta pieno di canguri, giraffe, elefanti, antilopi, struzzi, rinoceronti, bufali, cammelli e leoni.

Aveva 700 lavoratori che si prendevano cura di loro e uno aveva addestrato uno stormo di uccelli bianchi a posarsi sugli alberi vicino alla sua villa.

Quando Escobar è stato ucciso su un tetto in fuga dalla polizia, molti degli animali sono stati reinseriti negli zoo colombiani. Tuttavia, alcuni sono stati lasciati nella tenuta, che è stata trasformata in un parco pubblico a tema.

Ma alcuni degli ippopotami di Escobar sono fuggiti nella campagna circostante.

Originariamente ne aveva portati quattro dall’Africa negli anni ’80, ma dalla sua scomparsa gli animali, senza predatori naturali nella campagna sudamericana, si sono riprodotti vigorosamente nel lussureggiante habitat di laghi e corsi d’acqua intorno al bacino del fiume Magdalena.

Con alcuni avvistati a centinaia di miglia di distanza dalla loro casa originale, ora contano fino a 120 e dicono che il numero potrebbe salire a 1.500 entro il 2035 senza un processo di abbattimento.

Next Post

Pomodori e sgombro, alimenti utili contro l'invecchiamento

Per preservare il più a lungo possibile il tuo aspetto giovanile e la buona salute, è utile aggiungere alla propria dieta frutta e verdura in quantità illimitate soprattutto durante l’estate, e sostituire la carne rossa con specialità di pesce, i nutrizionisti consigliano e consigliano soprattutto di consumare pomodori, sgombri e […]
Pomodori e sgombro alimenti utili contro invecchiamento