Paura a Gardaland, blackout blocca famiglia a 30 metri di altezza

Eleonora Gitto

Paura a Gardaland, un blackout blocca una famiglia a 30 metri di altezza.

Un’intera famiglia israeliana è rimasta bloccata a Gardaland su un’attrazione chiamata “Sequoia Adventure“, a circa 30 metri di altezza dal suolo.

Il tutto è successo proprio nel giorno dell’inaugurazione della nuova stagione del parco divertimenti di Castelnuovo del Garda, in provincia di Verona.

La causa dell’interruzione generale dell’elettricità sarebbe stata un improvviso sbalzo di corrente che ha colpito l’area nel primo pomeriggio di sabato.

D’altro canto, l’amministratore delegato di Gardaland, Aldo Maria Vigevani, ha correttamente tenuto a precisare: “L’Enel non c’entra, il guasto è della nostra rete. Lo sbalzo di energia verificatosi non è da imputare all’Enel ma a un guasto sulla rete interna del parco. Ci scusiamo per aver erroneamente imputato a loro, in un primo tempo, la responsabilità del problema riscontrato”.

Ma tutto è bene quel che finisce bene. Un po’ di adrenalina, qualche scusa e una maggiore attenzione per il futuro a questi guasti.

La famiglia israeliana è stata portata a terra con la scala d’emergenza dall’apposita squadra di pronto intervento della struttura.

Da questo punto di vista, l’aspetto sicurezza ha funzionato benissimo.

Next Post

Roma, la Via Crucis liberare le schiave della prostituzione

Roma, la Via Crucis per la liberazione delle schiave della prostituzione. Manca il cappuccio bianco, il crocefisso in mano e il falò acceso vicino. E poi siamo a posto. L’Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII, in collaborazione con la Diocesi di Roma, propone l’evento contro la tratta e la schiavitù sessuale, […]
Roma, la Via Crucis liberare le schiave della prostituzione