Perché il corno rosso porta fortuna?

Nella nostra tradizione ci sono numerosi oggetti che sono simboli di buona fortuna, ed altrettanti che invece sarebbero di cattivo auspicio.

Naturalmente sono oggetti legati alla superstizione, e sono in molti a non crederci o darci peso, ma quanti di voi possono dire, ad esempio, di non aver ad esempio mai avuto o regalato un cornetto portafortuna?

Ma perché tradizionalmente il corno rosso è simbolo di fortuna?

L’origine del suo significato viene fatto risalire all’antichità: già nel 3500 a.C. gli uomini delle caverne appendevano sull’entrata del loro rifugio delle corna di animali, simbolo di prosperità, potenza, ma anche fertilità dato che in Italia il corno è stato sempre considerato un simbolo fallico.

Ma è nel medioevo che il corno assume proprietà magiche, diventando ufficialmente amuleto che allontana le influenze maligne.

Cornetto rosso portafortuna (Foto@Wikipedia)

Il colore rosso è invece simbolo di forza poiché richiama il sangue e il fuoco.

Il corno, soprattutto nella tradizione partenopea, per allontanare la sfortuna, deve essere rigorosamente rosso, fatto a mano, storto, con la punta.  Il materiale tradizionale è il corallo, sebbene sia più comune il corno rosso di plastica.

È fondamentale soprattutto che il cornetto venga donato da qualcuno, e non acquistato per sé.

Oggi i “curnicielli” rappresentano uno degli oggetti più famosi e caratteristici dell’artigianato locale napoletano.

Next Post

Assicurazione auto: cosa si rischia a circolare senza?

Gli italiani si trovano sulle spalle un cuneo fiscale quasi insostenibile, con tasse ed imposte di ogni genere da pagare, che per di più aumentano di anno in anno. Ma tra le più esose c’è senza dubbio l’assicurazione auto, che in molte regioni d’Italia ha raggiunto dei costi esorbitanti. Come […]
Assicurazione auto cosa si rischia a circolare senza