Politecnico di Milano, inaugurata l’officina dei ricercatori delle nanotecnologie

Nato all’interno del Politecnico di Milano, Polifab è una nuova officina completamente dedicata alla nanotecnologia, ossia la creazione di piccolissimi dispositivi ad altissimo livello tecnologico.

Polifab è l’ultima frontiera italiana per ricercatori, aziende e startup innovative: vanta infatti una strumentazione da 8 milioni di euro che proviene dalla Pirelli Labs in via di dismissione, e a  ciò si aggiunge un investimento di 2 milioni di euro ottenuto grazie alla vittoria del bando dell’European Research Council.

Il direttore dal fab lab, Andrea Lacaita, ha spiegato a Repubblica come il Polifab sia una palestra per ricercatori, ma anche una fucina di progetti dove sarà possibile “testare se le idee hanno le gambe per diventare prodotti e muovere i primi passi”.

In dettaglio, Polifab offre le principali tecnologie necessarie per la realizzazione di microlavorazioni, di prototipi di microsistemi, per il loro assemblaggio e incapsulamento fino alla funzionalizzazione biochimica delle superfici. Le applicazioni sono molteplici: biosensori per la diagnostica medica, chip microfluidici per studi biologici, sensori e memorie magnetiche, dispositivi per la nanoelettronica, fotonica integrata e componenti per il fotovoltaico.

Polifab è inoltre dotato di una cleanroom di 370m2, fornita di strumentazione per fabbricazione su wafer fino a 6” di dispositivi, mediante crescita di film sottili, litografia (ottica ed elettronica), attacco selettivo e caratterizzazione metrologica.

Loading...
Potrebbero interessarti

Un ologramma, ecco che cosa potrebbe essere il nostro universo

Un ologramma, ecco che cosa potrebbe essere il nostro universo. Un gigantesco…

Emoji, ne sono appena state approvate altre 157 da Unicode

Una cosa è certa, le si odi o le si ami alla…