Povertà assoluta e relativa: qual è la differenza?

Negli ultimi anni l’Istat ci ha disegnato un quadro del nostro paese non certo lusinghiero: un’economia che non riesce a crescere quanto dovrebbe e una disoccupazione alle stelle hanno avuto come conseguenza una crescita esponenziale dei “poveri”.

Più precisamente si fa una differenza sostanziale tra povertà assoluta e povertà relativa: senza voler entrare in discorsi macroeconomici, cosa si intende con questa differenziazione?

Secondo la definizione più condivisa, la povertà assoluta è quella legata alle necessità fisiologiche di base: il povero non riesce neppure a soddisfare, da solo, i propri bisogni primari, il fabbisogno nutrizionale minimo, la disponibilità di beni e servizi essenziali per la sopravvivenza.

La povertà relativa è invece un parametro che esprime le difficoltà economiche nella fruizione di beni e servizi, riferita a persone o ad aree geografiche, in rapporto al livello economico medio di vita.

In soldoni, quindi, il povero assoluto è colui che non riesce neppure ad assicurarsi un tetto o pasti caldi, mentre la povertà relativa identifica le famiglie che stentano ad arrivare a fine mese, quelle che devono fare numerose rinunce, sia in ambito sociale che sanitario.

Si potrebbe pensare che il concetto di povertà assoluta sia legata in primis a paesi in via di sviluppo, come quelli del terzo mondo, ma non è affatto così: negli ultimi anni in Italia i poveri assoluti hanno sfondato quota 5 milioni e sono in costante crescita.

Secondo gli ultimi dati Istat, per un adulto (di 18-59 anni) che vive solo, la soglia di povertà è pari a 826,73 euro mensili se risiede in un’area metropolitana del Nord, a 742,18 euro se vive in un piccolo comune settentrionale, a 560,82 euro se risiede in un piccolo comune del Mezzogiorno. La soglia della povertà relativa è invece – per una famiglia di due componenti – pari alla spesa media per persona nel Paese: nel 2017 è stata di 1.085,22 euro mensili.

Next Post

Shirataki, ecco gli spaghetti per non ingrassare

Iniziamo subito col dire che gli amanti della pasta, quella classica, quella cucinata secondo le classiche ricette mediterranee, storceranno il naso, ma è indubbio che questo alimento è un’ottima alternativa per chi ama gli spaghetti, non può esagerare con calorie e carboidrati e si “accontenta” di un’alternativa tutto sommato valida. […]