Psicologia del coronavirus: la gente accumula carta igienica
Psicologia del coronavirus la gente accumula carta igienica

Nella maggior parte dei casi se oggi si entra in un negozio di alimentari o in farmacia e ci sono buone probabilità di trovare scaffali spogli. 

Molti rivenditori, supermercati e attività commerciali in generale hanno visto i consumatori esaurire l’inventario in previsione del coronavirus che diventa più dannoso per il commercio e la vita quotidiana. Mentre è comprensibile vedere carenze di tovaglioli, disinfettanti per le mani ecc., i negozi segnalano una forte domanda di carta igienica. Perché?

Secondo lo psicologo clinico Steven Taylor, che ha parlato alla CNN, la corsa alla carta igienica potrebbe essere basata su una risposta di panico alle paure globali su come il coronavirus possa influire sulla popolazione. Poiché molto è ancora sconosciuto sul virus, i consumatori si sentono obbligati a fare scorta di cose essenziali.

Se le comunità affrontano una quarantena, i consumatori potrebbero temere che alcuni articoli per la cura personale non possano essere facilmente reperibili sul mercato. 

Nel caso in cui siano stati esposti al coronavirus e si consiglia di rimanere a casa per 14 giorni, avere accessori principalmente legati al bagno e alla toilette in generale, a portata di mano, è ragionevole, anche se acquistare troppo inutilmente per farlo durare mesi può essere eccessivo.

Coronavirus, psicologia e acquisto di carta igienica (foto@Wikipedia)

C’è anche il fenomeno dell’acquisto di panico che ha un effetto valanga, ha detto Taylor. Se qualcuno entra in un negozio e vede degli scaffali vuoti in cui si trovava la carta igienica o vede i post dei social media, vengono alimentate informazioni che indicano che la carta igienica è scarsa e sarà invogliato a fare scorta in ogni dove.

Non c’è nulla di intrinsecamente negativo nel raccogliere la carta igienica, dopotutto, è una necessità umana fondamentale e alla fine i consumatori finiranno per usarla. Ma è importante notare che una scarsità percepita non è la prova di una crisi sanitaria globale. È solo la prova che alcune persone stanno prestando molta attenzione a determinate cose. Se qualcuno teme di non essere in grado di acquistare la carta igienica, è possibile rimediare a tale apprensione acquistandone molta.

Secondo i Centers for Disease Control and Prevention, fare scorta di cose essenziali per la casa è ragionevole, ma non limitare a scorte enormi ad esempio di carta igienica. Prendi in considerazione una scorta di sapone per le mani, detersivo per bucato, prodotti per la pulizia, alimenti di base e farmaci da prescrizione. Basta tenere presente che una tale preparazione è consigliabile tutto l’anno per circostanze impreviste, non solo per una crescente pandemia.

Loading...
Potrebbero interessarti

Serpente morde 8 volte la stessa persona, esiste in loro la coscienza?

È possibile che la coscienza dei serpenti sia così sviluppata che possano…

Marocco, abbraccio omosessuale può costare 3 anni di carcere

Sembrerebbe una storia di diversi decenni fa, una storia di intolleranza e…