Quelli che si ammalano di più sono i dipendenti pubblici del sud Italia

Se la malattia, purtroppo, non guarda in faccia nessuno, a leggere certe ricerche che riguardano i lavoratori italiani, qualche dubbio potrebbe pur venire.

Se qualche mese fa una precedente ricerca aveva mostrato come il giorno in cui ci si ammala di più è il lunedì, un recente studio ha invece diviso i lavoratori ammalati a seconda del settore in cui sono impiegati e della provenienza geografica.

Nel triennio 2012-2014 si è assistito ad un vero e proprio boom di assenze per malattia tra i dipendenti del pubblico impiego. Questo, afferma un’indagine della Cgia di Mestre, è avvenuto soprattutto nelle regioni del Sud.

Nel triennio 2012- 2014, infatti, sempre secondo l’associazione con sede a Mestre, il trend specifico ha fatto registrare una vera impennata: +15,1%, dato quasi doppio rispetto alla media-Italia (+8,8%) e molto più alto anche se si guarda al riscontro meridionale (+8,7%). In valori assoluti, quantificati nella ricerca come «eventi di malattia» (ossia il numero dei dipendenti che hanno effettivamente presentato almeno un certificato medico), se nel 2012 i pubblici dipendenti che non avevano timbrato per curarsi erano stati, in regione, quasi 474 mila, due anni più tardi — nel 2014, appunto — sono aumentati fino a superare quota 545 mila. Per un incremento di oltre 70 mila unità produttive.

Però attenti: la Cgia rifugge le strumentalizzazioni. Per il coordinatore della Cgia Paolo Zabeo: “Nella sanità, nella scuola e tra le forze dell’ordine, ad esempio possiamo contare su del personale che ci viene invidiato dal resto d’Europa”.

Quindi occhio a non generalizzare è il messaggio del coordinatore Cgia, perché “è doveroso colpire con maggiore determinazione chi non fa il proprio dovere, vale a dire coloro che, assentandosi ingiustificatamente, recano un danno all’ente per cui lavorano, ai propri colleghi e, più in generale, a tutti i contribuenti”.

Next Post

Fantascienza diventa realtà: primo trapianto di testa su una scimmia

Finora era solo nei romanzi di fantascienza che la testa di un essere umano potesse finire attaccata al corpo di un’altra, ma mai come nei ultimi decenni, la scienza ci ha insegnato che è solo questione di tempo prima che il fantascientifico diventi realtà. Ed è arrivato anche il tempo […]