Rinviato l’esordio, lo smartphone modulare di Google non è pronto

Non è stato chiarito né l’orizzonte temporale né i luoghi dei test sul campo, e questo non è certamente una buona notizia, che lascia molto perplessi e lascia addirittura pensar male.

Google, nelle ultime ore, tramite il suo account Twitter, ha annunciato che  il lancio del primo dispositivo Project Ara è stato posticipato: il primo telefono modulare non arriverà sui mercati del mondo entro fine anno, ma probabilmente ci vorrà un ulteriore anno.

‘Project Ara’ doveva essere lo smartphone “su misura”, da assemblare a pezzi, potenziale risposta ad utenti sempre più esigenti ma anche rivolto alla fascia “low cost” e ai mercati emergenti, quelli che garantiscono le maggiori prospettive di crescita, e doveva essere testato a Porto Rico.

Ma dall’ultimo annuncio anche la location è cambiata: Porto Rico è ancora incluso nell’elenco dei paesi in cui verrà distribuito lo smartphone, ma non sarà più il primo mercato.

Google inoltre non ha chiarito i motivi che hanno portato al cambio di programma. Secondo le ultime speculazioni il periodo prototipale di Project Ara ha richiesto più tempo del previsto causando uno slittamento della data di debutto.

Next Post

Google sa anche quanta energia solare potranno produrre i nostri tetti

Per ora disponibile sono nella Bay Area di San Francisco, a Fresno e a Boston, Project Sunroof è uno strumento che utilizza le mappe ad alta risoluzione di Google (le stesse utilizzate da Google Earth) che consentono di calcolare il potenziale di energia solare dei tetti delle abitazioni grazie ai […]