Trovato finalmente un pianeta come la Terra

Redazione

Il telescopio TESS, utilizzato nell’ambito di una missione alla ricerca di esopianeti lontani, ha scoperto un pianeta simile alla Terra, ma con caratteristiche sorprendenti.

Il pianeta ha tre volte la massa della Terra ed è il 50% più grande delle dimensioni del nostro pianeta. Gli astronomi lo considerano uno dei pianeti più antichi della Via Lattea.

Il pianeta porta il nome TOI-561b ed è uno dei più antichi dell’intera galassia, poiché orbita attorno a una delle prime stelle.

TOI-561b è molto caldo e roccioso. Si suppone che sia tre volte più massiccio e il 50% più grande del nostro pianeta. Tuttavia, ha la stessa densità della Terra. Questa circostanza ha stupito molto gli scienziati.

Trovato finalmente un pianeta come la Terra

Per ogni giorno terrestre, questo pianeta fa una doppia rivoluzione attorno alla stella madre. La sua esistenza indica che l’universo ha formato pianeti rocciosi quasi sin dal suo inizio, hanno detto gli astronomi.

In ogni caso, non c’è molta speranza di trovare vita su di esso, poiché la sua superficie può raggiungere i 1700 gradi Celsius, per cui qualsiasi creatura vivente che può viverci morirà entro pochi minuti.

Nonostante ciò, gli scienziati ritengono che questa scoperta “potrebbe essere un presagio di molti mondi rocciosi che devono ancora essere scoperti tra le stelle più antiche della nostra galassia“.

Un astronomo in missione alla ricerca di esopianeti ha affermato che la composizione chimica delle stelle trovate in quest’area le rende molto favorevoli alla formazione dei pianeti.

Per questo motivo esamineranno più a fondo l’area per scoprire nuovi corpi celesti.

Next Post

Ancora un volto di una statua ritrovato su Marte

Il famoso ufologo e archeologo virtuale Scott Waring si è trovato di nuovo di fronte a “possibili” manufatti antichi sulla superficie di Marte. Si è imbattuto in un’altra struttura misteriosa che somiglia sospettosamente alla testa di una statua. Così l’ha definita l’ufologo. Secondo Waring, gli scienziati della NASA non sono […]
Ancora un volto di una statua ritrovato su Marte