Risolto il mistero del passo di Djatlov, 61 anni anni dopo

Redazione

Scienziati dell’Istituto Federale Svizzero di Tecnologia hanno escluso le incredibili ipotesi basate su UFO, yeti e super armi sovietiche e hanno utilizzato l’analisi del computer per sviluppare una nuova teoria, sul famoso incidente del passo di Djatlov.

L’incidente del passo Dyatlov è uno dei più grandi misteri del 20° secolo. Un gruppo di escursionisti esperti persero la vita sugli Urali russi nell’inverno del 1959 e non è stata trovata alcuna spiegazione adeguata.

Risolto il mistero del passo di Djatlov 61 anni anni dopo
foto@Wikimedia

Test di armi sovietiche, yeti e persino presenza di alieni sono stati suggeriti per la morte dei nove escursionisti, ma ora è emersa una nuova teoria.

La squadra si è accampata sulle pendici del Kholat Saykhl, o “Montagna Morta” nella lingua locale di Mansi, il 1 febbraio. Il 26 febbraio i soccorritori hanno trovato il loro campo e diversi corpi seminudi e mutilati.

La spiegazione più probabile per la morte degli escursionisti è sempre stata che erano stati colpiti da una valanga nel cuore della notte e si erano lanciati fuori dalla loro tenda distrutta.

Ma c’erano diversi problemi con quella spiegazione: non c’erano prove dirette di una valanga, due della squadra erano escursionisti esperti di montagna che avrebbero saputo meglio che accamparsi in una potenziale zona di valanghe e le impronte trovate allontanandosi dal campo ha mostrato che gli escursionisti hanno lasciato il campo a passo normale.

Non erano le impronte di persone che stavano scappando da una valanga in arrivo.

Ma ora gli scienziati dell’Istituto Federale Svizzero di Tecnologia (EPFL) hanno creato un modello di computer che, secondo loro, mostra che gli escursionisti del Passo Djatlov sono stati probabilmente uccisi da una “valanga a lastroni” – un raro tipo di valanga in cui una grande, praticamente solida “lastra” di la neve e il ghiaccio si muovono come un’unica unità monolitica.

Il professor Alexander Puzrin dell’EPFL, uno degli autori chiave del nuovo rapporto, afferma che se gli escursionisti avessero scavato una trincea nella neve per proteggere la loro tenda, avrebbe potuto dare origine a una valanga a lastroni.

In combinazione con i venti catabatici, che combinano lo spostamento della pressione dell’aria con la gravità per spingere masse di neve in discesa, il lastrone di neve potrebbe essersi spostato abbastanza rapidamente da inghiottire completamente il campo.

Il collega del professor Puzrin, il dottor Johan Gaume, ha aggiunto: “Usiamo i dati sull’attrito della neve e sulla topografia locale per dimostrare che una piccola valanga a lastroni potrebbe verificarsi su un pendio dolce, lasciando poche tracce dietro“.

Le orribili ferite osservate su alcuni corpi degli escursionisti, afferma il dott. Gaume, potrebbero essere state causate dal rapido movimento della neve densa: “Con l’aiuto di simulazioni al computer, dimostriamo che l’impatto di un lastrone di neve può portare a lesioni simili a quelle osservate.

La mappa dell’incidente di Djatlov (Foto@Wikimedia)

Una volta demolito il campo, il freddo pungente avrebbe potuto porre fine rapidamente alle vite dei sopravvissuti.

Mentre la teoria delle valanghe a lastroni è la spiegazione più convincente per il mistero di 61 anni fa, il team riconosce che nulla è però certo. Il professor Puzrin dice:

La verità, ovviamente, è che nessuno sa veramente cosa sia successo. Ma forniamo una forte evidenza quantitativa che la teoria delle valanghe è plausibile“.

Next Post

La Nasa svela il segreto della sonda Perseverance: un elicottero

Ingenuity è attualmente a bordo del rover Perseverance della NASA, l’ultimo rover statunitense diretto su Marte. È la prima missione americana su Marte dall’InSight del 2018, ma è stata solo una delle tre missioni inviate su Marte nel 2020 insieme all’orbiter Hope degli Emirati Arabi Uniti e all’orbiter, lander e rover […]
La Nasa svela il segreto della sonda Perseverance un elicottero