Rovigo, maxi multa per aver riparato un marciapiede

Ad ognuno di noi, o quantomeno a tutti noi a cui importa vivere in una città decorosa e sicura, duole vedere le condizioni in cui le nostre città sovente versano.

C’è chi si limita ad assistere attonito allo sfascio di strade e marciapiedi, chi si lamenta con pochi risultati con le amministrazioni e chi si rimbocca concretamene le mani ma attenzione a prendere iniziative personali.

Lo sa bene, a Rovigo, un uomo di 45 anni, che è stato multato per aver riparato il marciapiede di fronte alla propria casa senza l’autorizzazione del comune.

Lotfi Torkhani, cittadino italiano di origine tunisina, dovrà pagare una sanzione di 622 euro, che potrebbe salire fino 883 se l’importo non verrà saldato entro sessanta giorni.
L’idea di riparare il marciapiede gli sarebbe venuta dopo aver causato dei danni per 350 euro alla sua auto, proprio a causa del tratto di banchina rotto.

Ho usato un prodotto professionale, costosissimo, che mi ha regalato il mio capo. Ho fatto un lavoro fatto bene. Non sapevo che servisse l’autorizzazione del Comune, io ero convinto di aver fatto bene“, ha spiegato l’uomo, come riporta TgCom24.

Operaio in una fabbrica di resine da quindici anni, Torkhani con il suo lavoro mantiene la moglie e i suoi tre figli:

Io non ce la faccio a pagare una cifra del genere, sono troppi soldi. Sabato sono stato dal vigile a chiedere di sistemare la cosa, a capire se c’era un’altra soluzione, ma non c’è stato verso, continuava a dirmi ‘devi pagare’. Non ha voluto sentire ragioni“.

Next Post

Sushi non è giapponese ma cinese!

C’è chi lo ama e chi non riesce neppure a sentirlo nominare, ma è indubbio che negli ultimi anni il sushi sta spopolando ben oltre i confini del Giappone, dove è considerato il piatto tipico per antonomasia. Ma voi lo sapevate che, all’inizio della sua storia, il sushi non era […]
Sushi non giapponese ma cinese