Rutilismo: hai questa “sfortuna”?

Redazione

Nell’antichità ne sono stati compiuti di scempi, di stragi e persecuzioni senza motivo e senza scopo se non quello di seminare odio e rancore, ma ben pochi sono stati insensati come quelle ai danni delle persone con i capelli rossi.

Sì, avete capito bene: dopo che i romani avevano conosciuto i popoli nordici e ne erano stati sconfitti, cominciarono ad identificarli come barbari e selvaggi e, poiché molti di questi avevano barba e capigliatura rossiccia, avere i capelli rossi all’epoca voleva dire essere presi di mira.

Nei secoli il pregiudizio divenne sempre più negativo, fino ad associare al colore rosso un significato malefico e demoniaco: intorno all’anno mille uomini ma soprattutto donne dai capelli ramati venivano messi addirittura al rogo.

E l’insensato pregiudizio è arrivato fino a noi: molti detti e proverbi antichi vedono protagonisti coloro che hanno i capelli rossi come portatori di sfortuna e sfiga.
In realtà, per l’ennesima volta, la scienza arriva salvifica a spiegare che non è altro che una questione di genetica.

Il rutilismo o eritrismo è la caratteristica delle persone che hanno capelli rossi, biondo ramato o castano ramato, una caratteristica che si eredita attraverso i geni. I geni che determinano la chioma fulva sono molto complessi.

Uno dei principali, per esempio, ha ben 40 varianti tra le quali solo sei generano i capelli rossi. Inoltre si tratta di un gene recessivo e un bambino, per nascere con i capelli rossi, deve ereditare ben due di questi geni, uno da ciascun genitore.

Ad oggi, la nazione in assoluto con il maggior numero di persone con i capelli rossi è la Gran Bretagna e in particolare queste sono presenti in Scozia e Irlanda, dove rappresentano rispettivamente il 13 e il 10 per cento della popolazione.

Next Post

“Miracolo” ad Avellino, creduto morto si risveglia

Il paese ha già gridato al miracolo, lo stesso protagonista, fervente religioso, ha riferito di sentirsi un miracolato dalla volontà divina, ma al momento una sola è la certezza: un uomo, creduto morto, si è “svegliato” mentre i familiari gli stavano organizzando il funerale. La storia arriva da Montecalvo Irpino, […]