Rutilismo, ecco perché si nasce coi capelli rossi

Redazione

La maggior parte di noi, quando si tratta di colore dei capelli, appartiene a una delle due più grandi classi: i biondi e i mori.

Ma è possibile anche far parte di un terzo gruppo molto più ristretto: coloro che hanno i capelli rossi.

Il rutilismo o eritrismo è appunto la caratteristica delle persone che hanno capelli rossi, biondo ramato o castano ramato.

Ma come è possibile nascere coi capelli rossi?

Naturalmente si tratta di una questione ereditaria, ma il rutilismo è trasmesso come carattere recessivo, quindi un bambino deve perciò ereditare ben due di questi geni da entrambi i genitori.

Grazie ad un recente studio, condotto dai ricercatori britannici dell’Università di Edimburgo, è stato scoperto che la tonalità rossa dei capelli è dovuta all’azione combinata di ben otto geni differenti.

Finora invece si credeva che tutto dipendesse da un solo gene, il MC1R (recettore melacortina 1), per cui le persone dai capelli rossi ereditavano due versioni del gene, uno dalla madre ed uno dal padre.

Storicamente, i capelli rossi sono associati alle popolazioni celtiche, ma sono stati trovati casi anche in Medioriente, in Asia centrale (soprattutto tra i Tagichi), così come in alcune mummie del Tarim ritrovate nello Xinjiang nella Cina nordoccidentale.

Next Post

In Kenya è nata la zebra a pois

Per tanti anni è stata solo una canzone: chi non ha mai sentito la celebre canzone di Mina e l’ha canticchiata a qualche festa? Ma, come accade sempre più spesso, la realtà supera persino la fantasia e così, in Kenya, è venuta al mondo la prima zebra nientemeno che “a […]
In Kenya nata la zebra a pois