Scienziati scoprono megastrutture nelle profondità della Terra
Scienziati scoprono megastrutture nelle profondita della Terra

Gli scienziati hanno trovato vere e proprie “megastrutture” larghe 600 miglia sepolte in profondità sotto la superficie terrestre.

Le misteriose “zone a bassissima velocità” sono state rilevate dai ricercatori che hanno esaminato i dati dei terremoti risalenti al periodo precedente alla nascita della Luna.

I geologi hanno scoperto misteriose strutture giganti nascoste nelle profondità della Terra.

Sappiamo meno sull’interno della Terra di quanto ne sappiamo sulla superficie della Luna.

Nessuno, nemmeno una sonda robotica, si è avventurato più in profondità di diversi chilometri nella crosta terrestre.

Mentre sappiamo che il movimento al centro della Terra genera il campo magnetico che ci protegge dalle radiazioni solari mortali, la scienza dietro la generazione di questo campo non è completamente d’accordo.

Scienziati scoprono megastrutture nelle profondita della Terra

Persino la teoria della tettonica a zolle – il meccanismo alla base della deriva dei continenti che causa terremoti e vulcani – non fu generalmente accettata fino alla fine della prima guerra mondiale.

Ora i dati di centinaia dei maggiori terremoti hanno aiutato un team guidato da Doyeon Kim presso l’Università del Maryland negli Stati Uniti a scoprire una strana nuova struttura sotto le Isole Marchesi nell’Oceano Pacifico meridionale.

La struttura, nota come zona a bassissima velocità (ULVZ), ha un diametro di circa 620 miglia e uno spessore di poco meno di 16 chilometri, afferma Kim.

Una struttura simile, ancora più grande esiste sotto le Hawaii.

Queste strutture gigantesche e misteriose sono particolarmente interessanti perché risalgono al periodo precedente alla Terra.

Questi ritrovamenti potrebbero risalire alla titanica collisione tra la Terra e un oggetto sconosciuto delle dimensioni di Marte che ha dato alla luce la Luna oltre quattro miliardi di anni fa.

Le intriganti anomalie nelle profondità della Terra sono rivelate dal progresso delle onde sismiche causate dai terremoti.

Il team di Kim ha analizzato i sismogrammi prodotti dalle onde di taglio (S) che si muovono lentamente che seguono i tremori primari dei terremoti (onde P) lungo il confine tra il mantello terrestre e il suo nucleo.

Queste onde S producono segnali più chiari per l’analisi.

Il team di Kim ha utilizzato un algoritmo chiamato Sequencer per elaborare i dati di centinaia di terremoti verificatisi tra il 1990 e il 2018.

I dati offrono informazioni uniche sulle parti più profonde e antiche del nostro pianeta.

Questo è molto interessante perché ciò potrebbe indicare che le mega-ULVZ sono speciali e possono ospitare firme geochimiche primitive che sono state relativamente non mescolate dai primi anni della storia della Terra“, ha detto Kim a Vice.

Speriamo che Sequencer sarà sostanzialmente in grado di farci utilizzare tutti questi set di dati diversi e riunirli insieme per cercare sistematicamente queste strutture del mantello inferiore“, ha affermato.

Il buco più profondo mai realizzato è il pozzo trivellato Kola Superdeep. Gli scienziati sovietici impiegarono quasi 20 anni per perforare una fossa profonda 40.230 piedi.

Hanno trovato microscopici fossili di plancton oltre quattro miglia sotto la superficie terrestre.

Alla gente del posto piace scherzare sul fatto che il pozzo sia così profondo da poter sentire le urla di anime torturate all’inferno risuonare dalle sue profondità.

Ma anche a quella profondità inimmaginabile, il trapano era solo circa ad un terzo della strada attraverso la crosta fino al mantello terrestre quando il progetto fu abbandonato.

Con strumenti come Sequencer, gli scienziati saranno in grado di guardare in profondità nel cuore del nostro pianeta e scoprire i processi che proteggono la vita sulla Terra dalle mortali radiazioni cosmiche.

Questa è la nostra visione in futuro“, afferma Kim, “per rispondere a più domande sul mantello inferiore in generale“.

Loading...
Potrebbero interessarti

Test: Scegli l’emoticon e scopri la tua personalità

Un test per scoprire qualcosa in più di te, scegli la tua…

Quanti volti riesci a scorgere nell’immagine?

Non si tratta solamente di rami di alberi, in quest’immagine è possibile…