Sclerosi multipla, l’importanza di donare per aiutare la ricerca

Negli ultimi anni la ricerca ha fatto passi da gigante, e per i malati sono disponibili cure e un miglioramento delle condizioni di vita fino a poco tempo fa insperate, eppure il traguardo è ancora lontano, e il numero di malati aumenta di anno in anno, ragion per cui è fondamentale proseguire le ricerche, magari con fondi maggiori.

È una drammatica fotografia quella che emerge dalla seconda edizione del Barometro della sclerosi multipla realizzato da Aism – Associazione italiana sclerosi multipla, che ha organizzato la Settimana nazionale della Sm: sono oltre 3.400 i nuovi malati di sclerosi multipla ogni anno, ed attualmente sono 114mila gli italiani malati.

Si tratta di “un’emergenza sanitaria e sociale” poiché la malattia è “in continua crescita” e le persone affette devono confrontarsi anche con “le difficoltà legate ai servizi sanitari e assistenziali”. Nella maggior parte dei casi la diagnosi arriva tra i 20 e i 40 anni di età.

Tra il 27 e 28 maggio in 400 piazze italiane, chi lo vorrà potrà portare a casa delle piante aromatiche con una donazione di 10 euro, che verrà interamente devoluta alla ricerca.

A patrocinare l’iniziativa con il contributo di Simmenthal, partner unico per il terzo anno consecutivo, è la Associazione italiana sclerosi multipla (Aism) con la sua fondazione, che da sempre si impegna a sensibilizzare l’opinione pubblica sulla malattia e a finanziare la ricerca scientifica, cercando inoltre di trasmettere corrette informazioni a riguardo La sclerosi multipla (Sm), malattia neurologica cronica caratterizzata da infiammazione e degenerazione del sistema nervoso centrale.

Con le donazioni raccolte l’Azienda potrà sostenere il progetto sull’effetto che la terapia occupazionale ha nel miglioramento della gestione delle attività di vita quotidiana e nel rallentamento del progredire della malattia.

Attualmente sono utilizzati diversi trattamenti farmacologici con l’obiettivo di ridurre l’infiammazione e diminuire il numero di ricadute, agendo sul decorso della malattia, oppure con l’obiettivo di contenerne i sintomi e rallentare la progressione della disabilità. Esiste tuttavia un’altra opzione terapeutica, la neuroriabilitazione, che ha l’obiettivo di mantenere e quindi di attivare il processo di plasticità del sistema nervoso per consentire alla persone con Sm di superare il danno al tessuto nervoso e, possibilmente, incrementare le capacità residue.

Next Post

Roma, il Bambino Gesù diventa un centro per le nascite a rischio

Il Bambino Gesù di Roma è il più grande Policlinico e Centro di ricerca pediatrico in Europa, collegato ai maggiori centri internazionali del settore. Nell’accezione quotidiana e nei sentimenti delle persone, l’Ospedale Bambino Gesù è l’Ospedale dei bambini e l’Ospedale del Papa. Attraverso lo slogan “pensate solo a vostro figlio, al resto […]