Scoperta archeologica conferma l’antico testamento

Redazione

Recenti scoperte archeologiche legate alla distruzione della città filistea di Ekron, sono state portate alla luce nel tentativo di verificare le profezie dell’Antico Testamento. Un esperto di scritture ha spiegato al famoso portale Express.co.uk, come l’archeologia e la storia si uniscono per verificare l’accuratezza storica della Bibbia.

Scoperta archeologica conferma antico testamento

Ci sono persone che studiano i capitoli della Bibbia per saperne di più sulla storia della Terra Santa e del suo popolo. In coppia con le numerose scoperte archeologiche fatte dall’alba del 20° secolo, esperti come Tom Meyer dello Shasta Bible College negli Stati Uniti, sono convinti che la Bibbia resista ad “controllo di veridicità storica“.

Un evento degno di nota descritto nelle pagine della Bibbia è la conquista babilonese dell’antica Giuda.

La conquista portò alla caduta di Gerusalemme, che si ritiene sia stata assediata nel VI secolo a.C. dal re Nabucodonosor II.

L’attacco seguì la sanguinosa battaglia di Carchemish nel 605 a.C., dove gli eserciti dell’Egitto e degli alleati si scontrarono con i Babilonesi.

Secondo alcune stime l’assedio di Gerusalemme iniziò nel 589 a.C. e terminò quando la città e il suo tempio furono distrutti nel 587 o 586 a.C.

L’assedio è descritto in 2 Re 25: 3, che recita: “E la città fu tenuta sotto assedio fino all’undicesimo anno del re Sedechia. Entro il nono giorno del quarto mese, la carestia nella città era così grave che il popolo del paese non aveva cibo“.

Ma prima che Gerusalemme cadesse preda dei babilonesi, gli eserciti spietati marciarono attraverso la città filistea di Ekron forse nel 603 o 604 a.C.

Secondo il professor Meyer, la distruzione della città era stata profetizzata circa 40 anni prima dal profeta dell’Antico Testamento Sofonia e crede che le prove della distruzione della città dimostrino che il profeta aveva ragione.

L’esperto biblico conferma:

È stata fatta una scoperta archeologica unica nel suo genere che convalida la predizione di un profeta dell’Antico Testamento. Sofonia era un profeta di corte che prestò servizio a Gerusalemme durante il tempo del re Giosia (dal 640 al 610 aC). Sofonia predisse i risultati catastrofici dell’imminente invasione di Babilonia sulle nazioni circostanti del regno di Giuda“.

Sofonia scelse i filistei tra i vicini di Giuda come uno degli obiettivi dell’invasione babilonese. Le sue profezie, in particolare, indicavano che la città di Ekron veniva distrutta dagli invasori.

Sofonia 2: 4 dice: “Poiché Gaza sarà abbandonata, e Ashkelon sarà lasciato in rovina. Ashdod verrà cacciato a mezzogiorno e Ekron sarà sradicato. Guai agli abitanti della costa, o nazione dei Cheretei! La parola dell’Eterno è contro di te, o Canaan, paese dei Filistei:” Ti distruggerò e nessuno rimarrà ““.

Il professor Meyer ha confermato: “Nel 1996 l’archeologa israeliana Trude Dothan stava scavando quella che pensava fosse la famosa città filistea di Ekron, ma ancora non poteva provarlo. Poi, dopo 14 stagioni di scavi, gli archeologi sono incappati in qualcosa di inaspettato, per la prima volta nella storia archeologica, hanno scoperto un’iscrizione monumentale che nomina una città biblica e i suoi re in situ (nella sua posizione originale) e in una distruzione strato che può essere datato“.

Risalente al 690 aC circa, la stessa iscrizione di Ekron è completa e contiene cinque righe di 71 lettere scritte con un’influenza fenicia“. L’iscrizione commemorava la dedicazione di un santuario filisteo in un complesso di templi.

Next Post

La Gioconda: Esistono particolari nascosti nel dipinto di Leonardo

La Gioconda nasconderebbe particolari che Leonardo ha voluto includere nel suo capolavoro L’inesauribile ritratto di Leonardo da Vinci del 1503 con protagonista Lisa del Giocondo, una donna di 24 anni, madre di cinque figli e moglie di un ricco mercante di seta fiorentino, è senza dubbio l’opera d’arte più famosa […]
La Gioconda particolari nascosti nel dipinto di Leonardo