Scoperto un virus sconosciuto in fondo al mare

VEB

Nei meandri più reconditi dell’oceano, là dove la luce del sole non riesce a penetrare, ci sono segreti che solo di recente stiamo iniziando a svelare.

Scoperto un virus sconosciuto in fondo al mare
Foto@Pixabay

Un gruppo multidisciplinare di scienziati ha recentemente portato alla luce un fenomeno eccezionale nelle profondità della Fossa delle Marianne, il punto più profondo conosciuto della crosta terrestre. La ricerca, illustrata sulla rivista Microbiology Spectrum, racconta di un virus particolare che dimora in queste profondità abissali, mostrandoci quanto sia resiliente la vita, capace di adattarsi ed evolversi in ambienti estremi.

Questo virus, battezzato come vB_HmeY_H4907, non è un semplice organismo marino, ma un batteriofago, un tipo di virus specializzato nell’infiltrarsi e replicarsi all’interno dei batteri. Questa fascinante scoperta si amplia la nostra comprensione sullo straordinario regno dei virus che risiedono negli abissi oceanici. La scoperta dimostra anche l’immensa diversità biologica celata sotto la superficie dell’oceano, un mondo ancora in gran parte inesplorato.

Per arrivare a tale scoperta, gli scienziati hanno prelevato campioni dalla Fossa delle Marianne, rivelando così una nuova famiglia di sifovirus a DNA a doppio filamento, che attacca un genere di batteri noti come Halomonas. Questi batteri sono comuni nelle profondità marine e nelle sorgenti idrotermali, svolgendo un ruolo cruciale nell’ecosistema sottomarino.

L’aspetto intrigante del virus vB_HmeY_H4907 è la sua natura lisogenica. In pratica, il virus incorpora il proprio materiale genetico nel genoma del batterio ospite. Quando il batterio si divide, anche il materiale genetico del virus viene replicato e trasmesso alle nuove cellule batteriche, un processo che fa luce sui complessi meccanismi di interazione tra virus e batteri nelle profondità marine.

I ricercatori coinvolti nello studio sono entusiasti di approfondire ulteriormente questa scoperta. Intendono esplorare i meccanismi molecolari che governano l’interazione tra i virus delle profondità marine e i loro ospiti batterici, un passo che potrebbe rivelare nuove verità sui misteri biologici celati nelle profondità inesplorate dei nostri oceani.

Questo episodio rappresenta una testimonianza eloquente di quanto ancora ci sia da scoprire nel misterioso e affascinante mondo sottomarino. Con ogni nuova scoperta, non solo ampliamo la nostra comprensione della vita sulla Terra, ma ci avviciniamo anche un po’ di più ai segreti che l’oceano continua a custodire gelosamente.

Next Post

Antica scoperta conferma che Dio incontrò Mosè

Il Monte Sinai è la montagna in cui Dio ha donato i Dieci Comandamenti a Mosè ed è uno dei luoghi più significativi dell’Esodo. Il biblico Monte Sinai è uno dei luoghi sacri più importanti delle religioni ebraica, cristiana e islamica. L’anno scorso, i ricercatori della Doubting Thomas Research Foundation […]
Antica scoperta conferma che Dio incontro Mose

Possono interessarti