Serial Killer da anni, viene arrestato al funerale di una sua vittima

Redazione

Era riuscito ad evitare l’arresto nonostante le sue 37 vittime, ma è stata fatale la sua presenza al funerale di una sua vittima.

Serial Killer dopo anni viene arrestato al funerale di una sua vittima
foto@depositphotos.com

Serhiy Tkach è riuscito a evitare l’arresto per anni dopo aver ucciso almeno 37 persone, ma alla fine è stato catturato quando è andato al funerale della sua vittima ed è stato riconosciuto.

Un brutale serial killer che ha ucciso almeno 37 persone è stato finalmente catturato dopo aver partecipato al funerale di una delle sue vittime.

Serhiy Tkach è stato soprannominato il “maniaco di Polohy” dopo essere stato arrestato nell’agosto 2005 per lo stupro e l’omicidio di almeno 37 donne e ragazze di età compresa tra gli 8 ei 18 anni, come riporta il Daily Star.

Tkach aveva lavorato come investigatore in Siberia, prima di essere scoperto a commettere i suoi orribili crimini.

Fu costretto a dimettersi dopo essere stato sorpreso a falsificare prove e si trasferì in Ucraina nel 1982, dove usò le sue abilità per coprire i suoi reati.

Poco dopo il suo arrivo in Ucraina, donne e ragazze hanno cominciato a scomparire vicino all’area in cui lavorava Tkach. Sono state violentate e assassinate, quindi aggredite sessualmente dopo la morte.

L’assassino è stato in grado di evitare l’arresto per anni, ma alla fine è stato catturato quando ha sfacciatamente partecipato al funerale di una vittima 17 anni fa e i bambini che hanno partecipato al servizio funebre hanno affermato di averlo visto con la vittima poco prima della sua morte.

Tkach è stato arrestato e ha confessato i suoi crimini, sostenendo che nonostante gli inquirenti avessero solo 37 morti legate a lui, aveva effettivamente ucciso 100 persone e ha chiesto lui stesso la pena di morte.

Tuttavia, mentre stava scontando l’ergastolo, ha incontrato Elena Bulkina, che ha sposato nel 2015 dopo che lei gli aveva inviato una serie di lettere. All’epoca lei aveva 23 anni e lui 63.

Nel 2016, l’improbabile coppia ha accolto la figlia Elizaveta , anche se la bambina non ha potuto incontrare suo padre.

Apparendo nello show Netflix Inside the World’s Toughest Prisons, Elena ha spiegato di non avere alcun senso di colpa per il passato del marito assassino.

Ha detto: “Ovviamente non lo augurerei a nessuno e se fosse successo alla mia famiglia punirei quella persona. Ma non ho fatto nulla. Mi sono sentita felice quando ho capito di essere incinta. Volevo questo bambino e lui voleva questo bambino, ma è nato in Russia e i miei genitori e le autorità non mi hanno permesso di portarla in questo paese“.

Elena ha spiegato che la coppia si era incontrata dopo aver contattato Tkach quando è apparso in un’intervista.

La ragazza ha confessato che i suoi crimini “non avevano molta importanza per me“.

Prima della morte di Tkach per insufficienza cardiaca nel 2018, alla coppia è stata concessa una visita coniugale di tre giorni ogni due mesi.

Tkach non solo ha ucciso un gran numero di giovani donne, ma ha anche rovinato la vita di molti altri uomini che sono stati ingiustamente condannati per i suoi crimini prima di essere catturato.

Next Post

Gli Stati Uniti nascondono filmati UFO del 2019

Il governo degli Stati Uniti avrebbe 24 video UFO del 2019 che non sarebbero mai stati resi pubblici. Il Pentagono avrebbe rifiutato di pubblicare almeno 24 video di UFO poiché affermano che ciò metterebbe a repentaglio le loro “fonti” sensibili. Si riferiscono a 19 avvistamenti separati entro sei mesi nella […]
Gli Stati Uniti nascondono filmati UFO del 2019