Si sciolgono i ghiacciai sulle Alpi, cambiano i confini italiani

Redazione

Un vecchio rifugio montano costruito nel 1984 si trova adesso a cavallo di due paesi dopo che il ghiacciaio del Teodulo si è sciolto.

Si sciolgono i ghiacciai sulle Alpi cambiano i confini italiani
foto@depositphotos.com

Lo scioglimento dei ghiacciai nelle Alpi ha spostato il confine tra Svizzera e Italia, mettendo in dubbio l’ubicazione di un rifugio alpino italiano, secondo quanto riportato dal sito news247.gr.

La linea di confine corre lungo un punto di drenaggio divisorio, dove l’acqua di fusione “correrà” da un lato o dall’altro della montagna, cioè da un paese o dall’altro.

Ma il ritiro del ghiacciaio del Teodulo significa che il bacino si è insinuato verso il Rifugio Guide del Cervino, un rifugio per visitatori nei pressi della Testa Grigia di 3.480 metri, e sta gradualmente spazzando il terreno sotto l’edificio.

In una recente visita al ristorante del rifugio, Frederic, un turista di 59 anni, ha chiesto secondo il Guardian: “Allora, siamo in Svizzera?

Era una domanda che valeva la pena porsi. La risposta è stata oggetto di trattative diplomatiche iniziate nel 2018 e terminate con un compromesso lo scorso anno, ma i dettagli restano segreti.

Quando nel 1984 fu costruito il rifugio su una balza rocciosa, i suoi 40 posti letto e lunghi tavoli di legno si trovavano interamente su suolo italiano. Ma ora due terzi del rifugio, compresa la maggior parte dei letti e del ristorante, sono tecnicamente “scalati” nel sud della Svizzera.

La questione è emersa perché la zona, che fa affidamento sul turismo, si trova al vertice di una delle stazioni sciistiche più grandi del mondo, mentre a pochi metri di distanza è in costruzione un grande progetto, tra cui una stazione della funivia.

L’accordo è stato “chiuso” a Firenze nel novembre 2021, ma il suo esito sarà svelato solo quando sarà ratificato dal governo svizzero, cosa che non avverrà prima del 2023.

Abbiamo deciso di condividere la differenza“, ha affermato Alain Wicht, capo del servizio di cartografia nazionale svizzero Swisstopo.

Questo lavoro prevede la cura dei 7.000 valichi di frontiera lungo i 1.935 km (1.200 miglia) di confine della Svizzera con Austria, Francia, Germania, Italia e Liechtenstein.

Mentre l’esito rimane segreto, al custode del rifugio, Lucio Trucco, 51 anni, è stato detto che rimarrà sul suolo italiano. “Il rifugio resta italiano perché siamo sempre stati italiani”, ha detto. “Il menu è italiano, il vino è italiano e le tasse sono italiane“.

Next Post

Ci sono dei buchi nel fondo dell'oceano che nessuno sa spiegare

Gli scienziati hanno deciso di consultare anche la comunità online per cercare di capire l’origine di misteriosi buchi in fondo all’oceano. Le strane impronte sono state scoperte dalla nave di ricerca Okeanos della National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA), che ha condotto tre spedizioni di esplorazione oceanica, come riporta il […]
Ci sono dei buchi nel fondo oceano che nessuno sa spiegare