Sicilia, occupazione stagnante e crescita quasi zero

Eleonora Gitto

In Sicilia la crescita è molto debole e l’occupazione è stagnante.

Purtroppo siamo sempre allo stesso punto nel meridione, e in special modo in Sicilia.

Non c’è crescita e, sopratutto, l’occupazione è ferma. Questo è un fenomeno che riguarda tutta la Nazione, tuttavia è indubbio che gli indicatori diventino sempre più negativi mano a mano che si scende al sud, Trinacria compresa.

Se il Pil regionale nel 2015 era aumentato del 2,1%, nel 2016 è aumentato dell’1,3% e per il 2017 si prevede un incremento solo dell’1%.

Ovviamente crescita lenta vuol dire meno produzione, e quindi meno possibilità di occupazione. Nell’Isola i dati sono fra i peggiori del Paese.

Il tasso di disoccupazione era del 21,4% nel 2015, del 21,2% nel 2016, e ora si prevede debba attestarsi al 20,9% nel 2017.

Per quanto riguarda poi la qualità del lavoro, si tratta per lo più di lavoro precario.

Non solo: le famiglie siciliane risultano essere le più povere d’Italia, dal momento che hanno un reddito medio inferiore di quasi il 30% rispetto alla media italiana.

I dati sono stati presentati venerdì 17 da CongiunturaRes in un convegno a Palermo.

E Rosario Crocetta, il Presidente della Regione, che fa a fronte di questi dati disastrosi?

Next Post

Scafati, la sposa fugge col testimone di nozze

A Scafati, nel salernitano, la sposa fugge col testimone di nozze. Potrebbe venire in mente qualche film, Il laureato, per esempio, che ha dei tratti simili. Eppure film non è. Era quasi tutto pronto per la cerimonia, per il grande passo che si sarebbe dovuto fare la settimana successiva. Si […]
Scafati, la sposa fugge col testimone di nozze