Sifilide, con l’estate teenagers più a rischio
Sifilide, con l’estate i teenager più a rischio

Attenzione alla sifilide, soprattutto in estate e fra i teenagers.

In estate, si sa, i rapporti sessuali sono più frequenti, e con essi aumenta pure la possibilità di contrarre malattie veneree.

Oltre, come noto, alle patologie più temute: stiamo parlando dell’Aids, ovviamente.

Ma rispetto all’Aids stesso, tutto sommato la situazione negli ultimi anni sembra essere sotto controllo.

Sia dal punto di vista della prevenzione, che da quello terapeutico, la malattia non è più quel terribile spauracchio che venti o trenta anni fa aveva spaventato mezzo mondo.

E meno male che è andata così, anche se, ovviamente, non bisogna mai abbassare la guardia.

Tuttavia, l’informazione in generale sulle malattie trasmissibili sessualmente sembra essere ancora insufficiente fra i teenager.

Circa il 20% di questi fa confusione fra contraccezione e prevenzione, e il 50% non usa precauzione di alcun tipo.

Per quanto riguarda specificamente la sifilide, una malattia che sembrava andare scomparendo, c’è stata un’inversione netta di tendenza.

Negli ultimi 4 anni i casi di sifilide registrati dai centri infettivologi italiani hanno visto un aumento del 100%.

I dati sono stati diffusi ala nona edizione di Icar, Italian Conference on Aids and Antiviral Research. In materia c’è stato un recente convegno a Siena, dove hanno partecipato oltre mille delegati provenienti dal nostro Paese e dall’estero.

Il Professor Andrea De Luca, Direttore del settore Malattie Infettive dell’Università di Siena, spiega: “L’infezione più diffusa è quella da Papilloma Virus, per la quale è fondamentale la vaccinazione gratuita per le adolescenti e che sarà ora introdotta anche per i maschi. Essa è la causa del cancro della cervice uterina e dell’ano e della condilomatosi genitali e anali”.

“Nei contagi, per l’HIV e per le altre malattie, anche se il rischio di un singolo rapporto è basso, se si gioca alla roulette russa prima o poi il proiettile arriva e per questo bisogna proteggersi sempre”.

Dal canto suo, il Professor Andreoni aggiunge: “Normalmente, durante i viaggi e le vacanze, la possibilità di avere degli incontri sessuali occasionali aumenta. Non è un caso che, nel periodo successivo a quello estivo, si registri il picco assoluto annuale di pazienti in fatto di infezioni e malattie sessualmente trasmissibili”.

“Un altro rischio che corriamo sono le infezioni dell’apparato gastroenterico, come diarree e gastroenteriti, legate al consumo di bevande e alimenti non controllati. In alcuni casi si tratta di infezioni pericolose, quindi si consiglia di portare sempre sali minerali e di assimilare molti liquidi”.

Eleonora Gitto

Giornalista professionista, content writer freelance, presidente presso Comunicazioni e Territori Scarl, consulente Consiglio Regionale Campania, vanta numerose collaborazioni presso testate giornalistiche, si occupa del settore sanitario e politico italiano.

Potrebbero interessarti

Paracetamolo problemi se assunto in gravidanza

Il paracetamolo è uno dei più diffusi antidolorifici al mondo, è contenuti…

Due anni la nuova cura per la Leucemia linfatica cronica

La leucemia è un tumore del sangue o del midollo osseo, il…

Aids, al via trapianti tra persone sieropositive

Dopo che nei scorsi decenni se ne è parlato, giustamente, quasi fino…

Da settembre sciopero del Cup del Lazio

Se questa è stata un’estate calda, si prospetta un autunno ancora più…