Smart working, parte la sperimentazione per 500 lavoratori delle Ferrovie
Smart working, parte la sperimentazione per 500 lavoratori delle Ferrovie

Per 500 lavoratori delle Ferrovia dello Stato parte una sperimentazione di smart working.

Con la locuzione smart working si fa riferimento a una riorganizzazione del lavoro che fa leva sulle nuove tecnologie.

L’obiettivo del lavoro “smart”  è di superare i limiti fisici e temporali: con lo smart working si può operare ovunque e in qualsiasi momento

Il telelavoro è uno dei punti cardine di questa nuova organizzazione pensata per combattere la crisi.

Ovviamente per attuare questa nuova strategia è necessaria anche una rivoluzione culturale sull’approccio al lavoro e alla gestione delle risorse umane.

Le Ferrovie dello Stato si apprestano a farla questa rivoluzione e, d’intesa con i sindacati, hanno dato il via a una sperimentazione di smart working.

Dal mese di settembre prossimo, 500 lavoratori potranno lavorare in qualsiasi luogo da un minimo di 4 fino un massimo di 8 giorni al mese.

Per Mauro Ghilardi, direttore centrale Risorse Umane e Organizzazione di Fs Italiane, quella dello smart working è: “una formula innovativa per garantire efficienza e flessibilità”.

A comunicare l’avvio della sperimentazione è stata la stessa azienda in una nota dell’azienda.

Nella nota è scritto anche insieme ai sindacati è stato deciso che alcune categorie di dipendenti potranno scegliere, concordandolo con il proprio responsabile, orario e luogo di lavoro.

Ovviamente la sperimentazione riguarderà solo alcuni giorni della settimana e seguirà modalità specifiche.

Mauro Ghilardi spiega: “Con questo accordo anche Fs Italiane introduce nuove modalità lavorative che la avvicinano ad altre aziende leader che già lo fanno. Questa sperimentazione ci consente di calibrare lo smart working sulla nostra realtà aziendale e trovare formule innovative anche sul versante tecnologico e organizzativo, per aumentare flessibilità e compatibilità con esigenze personali e risultati”.

Loading...
Potrebbero interessarti

Lavoro, le startup non trovano personale qualificato

In Italia la disoccupazione giovanile sale ma le startup non riescono a…

David Rockefeller, è morto l’anziano più ricco del pianeta

David Rockefeller è morto all’età di 101 anni nello stesso giorno in…