Smartphone, ecco la “modalità letto” per non perdere il sonno

Redazione

La proposta arriva da Paul Gringras, medico dell’Evelina Children’s Hospital di Londra: una “modalità letto” per gli smartphone, al fine di ovviare all’influenza negativa che i dispositivi possono avere sul sonno e quindi sulla salute.

“Questo perché gli schermi sono sempre più luminescenti e sempre più blu, un tono di colore che contribuisce a tenere le persone sveglie”, ha spiegato il dott. Gringras alla Bbc, proponendo di introdurre la “modalità letto” per regolare automaticamente volume e luminosità.

L’a mancanza di luce e di colori è un segnale per il nostro corpo, che si mobilita a produrre un ormone, la melatonina, che aiuta a riposare. Il dottore ha spiegato che “i colori e i toni che vanno bene per il giorno sono pessimi per la notte: dati sperimentali convergenti ci dicono che chi ha di fronte questi schermi a tarda sera si addormenta in media un’ora dopo”, compromettendo seriamente il sonno con risvolti negativi sulla qualità della vita.

Next Post

La Russa accusato di peculato

La Procura di Roma ha accusato Ignazio La Russa di peculato, per appropriazione illecita di 38mila euro circa tra la fine del 2004 e il luglio del 2010. Nel dettaglio La Russa è accusato di aver utilizzato la carta di credito legata al conto corrente del Banco di Napoli su cui confluivano i rimborsi […]