Snapchat, come Facebook, inizia la guerra contro le bufale

Redazione

Anche Snapchat, come Facebook, inizia la sua guerra contro le bufale.

Una serie di regole più stringenti è prevista per la chat più amata dai giovani.

Snapchat si sta muovendo pesantemente avendo come obiettivo uno stop alle immagini troppo violente o dai contenuti particolarmente spinti.

Non solo: ci sarà un controllo molto più accurato delle storie e situazioni che saranno pubblicate nella sezione Discover.

Fruiscono di questo sistema, tra l’altro, anche importantissime realtà giornalistiche come la Cnn e il Wall Street Journal.

Questi ultimi, sin dal 2015, inseriscono notizie e foto che raggiungono in men che non si dica l’utenza, e particolarmente il mondo giovanile, poco propenso alla lettura dei giornali.

Rachel Rachusen, in un’intervista al New York Times, ha spiegato, quale direttore della comunicazione di Snapchat: “Il nostro scopo è mettere nelle condizioni migliori i media che lavorano con noi per creare uno spazio informativo sicuro”.

Fra le nuove regole più importanti per evitare le bufale, c’è l’impossibilità, per gli editori, di rinviare a link esterni, dal momento che ogni notizia dovrà avere un contenuto prodotto e verificato, per contenere al massimo la possibilità delle notizie false, o fake news.

Next Post

Il Segreto, anticipazioni domenica 29 gennaio

Dopo aver visto Francisca ancora una volta riuscire nei suoi diabolici piani, riuscendo a sterminare quasi completamente la famiglia Mella, e Eliseo tornare prepotentemente alla ribalta cercando di rapire Sol e Candela, vediamo quali sorprese ci riserva la puntata odierna de Il Segreto. Nella puntata di oggi, domenica 29 gennaio, […]