Confermato che lavorare troppo fa male alla salute
Omofobia picchiato perche gay reagisce augurando ogni bene al suo aggressore

Lo stile di vita moderno è basato principalmente su uno stile di vita, per la maggior parte di noi, veramente stressante, la maggior parte delle persone tende a lavorare duramente, i problemi relativi al posto di lavoro, alle relazioni, alla salute, alle nostre finanze e tanto altro, sono sempre all’ordine del giorno e ci “martellano” quotidianamente. In una tale situazione tendiamo a vivere in uno stato di stress continuo; qualcosa che ostacola le massime prestazioni e aumenta anche i disturbi fisici.

L’Eurostat nelle scorse ore ha diffusi gli ultimi dati sulla disoccupazione in Italia ed in Europa: ben quattro regioni dello stivale hanno fatto registrare un tasso di disoccupazione di almeno il doppio della media Ue, più del 15%.

Si tratta di Calabria (21,6%), Sicilia (21,5%), Campania (20,9%) e Puglia (19,1%). Assente, rispetto all’anno scorso, la Sardegna. In Europa sono altre 31 le regioni dei Paesi (13 greche, 9 spagnole e 5 francesi) che hanno fatto segnare un record negativo rispetto alla media dell’Unione.

I dati diffusi da Eurostat si occupano anche di disoccupazione giovanile, ovvero di quella che coinvolge ragazzi e ragazze di età compresa fra i 15 e i 24 anni. In calo il dato generale sull’Italia, che passa al 34,7% nel 2017 dal quasi 38% dell’anno precedente. La Calabria ne ha un tasso molto alto, pari al 55,6%, ma più basso rispetto a quello dell’anno precedente, quando si arrivava a quasi il 59%. La punta dello Stivale passa dunque alla quinta posizione dalla terza del 2016.

È il Molise invece a far registrare un altro dato negativo fra quelli diffusi dall’Eurostat. La piccola regione meridionale è al nono posto (72,8%) per la lunga durata della disoccupazione: una volta che lo si è perso, ci vogliono più di dodici mesi per ritrovare lavoro. È tra le più elevate nel 2017.

Davanti a questi dati sembra quasi scontato che chi un lavoro ce l’ha faccia il massimo possibile per tenerselo ben stretto, anche rischiando di andare oltre i propri limiti.

Stacanovismo lavorare troppo fa male alla salute

Stacanovismo lavorare troppo fa male alla salute

Viene definita stacanovista una persona che è molto operosa nella sua attività di lavoro, svolgendo la propria attività con scrupolo o che si sottopone a ritmi di lavoro molto serrati.

Con Stacanovista si indica anche una persona che si impegna  spesso anche eccessivamente, facendo più di quanto gli viene richiesto o di quanto dovrebbe fare e, in alcuni casi, senza mai prendersi una pausa dallo stesso.

L’etimologia del termine era legato allo stacanovismo, un movimento di propaganda nato nell’URSS con lo scopo di creare un modello di lavoro che unisse alla grande produttività individuale l’utilizzo di nuove tecniche di lavoro.

L’origine è legata a Aleksej Stachanov, un operaio russo che con l’utilizzo di un particolare sistema di scavo e di un modello di organizzazione e divisione del lavoro molto efficiente, riuscì ad estrarre in meno di sei ore una quantità di carbone pari a 14 volte la quantità prevista.

Ma quanto si può chiedere al proprio corpo prima di star male?

Aleksej Stachanov morì, probabilmente anche a causa della fatica accumulata per un infarto, ma il benessere del cuore non è l’unico fattore a logorarsi con una dose eccessiva di lavoro. Insonnia, depressione, problemi fisici gravi o cronici: tutti sintomi dell’eccesso di fatica e stress che la vita lavorativa comporta e che rischia di risucchiare il dipendente in una spirale da cui è difficile tirarsene fuori.

La stessa scienza ha confermato: pubblicata sul Lancet, una ricerca ha concluso che più di 55 ore lavorative a settimana aumentano del 27% il rischio di ictus e del 13% di sviluppare una malattia cronica.

L’Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO) ha quindi istituito la Giornata Mondiale per la Salute e Sicurezza sul Lavoro, utile a ricordare di ridimensionare gli impegni e a salvaguardare se stessi.

La realtà del lavoro è cambiata: oggi il modo di giudicare una buona performance infatti non è uguale a ieri – spiega Marina Osnaghi, prima Master Certified Coach in Italia – Perché si lavora per obiettivi con azioni fulminee, decisioni veloci veicolate con poche informazioni che però devono essere efficaci e ponderate. Anche le aspettative elevate e la paura delle intelligenze artificiali che sostituiscono l’operato dell’uomo, rendendolo fragile e spaventato, sono due fattori da non sottovalutare perché il lavoratore si sente improvvisamente obsoleto. I contesti “centrifuga” fanno parte ormai della nostra realtà quotidiana e provocano pressione continua di cui è difficile liberarsi”.

Per non rischiare di mettere a repentaglio la propria vita, soprattutto dopo i 40 anni è bene lavorare solo 25 ore alla settimana. “Il nostro migliore amico? Siamo noi: possiamo diventare flessibili, cambiare idee e il nostro modo di vivere per diventare bravi a orientarci nella confusione – prosegue la master coach Marina Osnaghi – in un’epoca in cui si parla di Great Place to Work e di welfare aziendale, il lavoratore si trova spesso inserito in contesti tutt’altro che ottimali con ritmi di lavoro prolungati; a volte indifferenziati tra giorno, sera e weekend, permeati dall’ansia di primeggiare e dover tenere a bada la frustrazione di conflitti e giudizi negativi, caratteristici di una cultura che non conosce le regole di base dei feedback. Dunque cosa fare per ritrovare la normalità? La soluzione è trovare spazi di decompressione, iniziando dalle piccole cose come smettere di mangiare di fronte al pc o non pranzare affatto, per arrivare alle grandi e complesse come cambiare prospettiva mentale e imparare a convivere con la pressione dei nostri tempi con cui tutti ci dobbiamo misurare ed essere in grado di commutare la velocità e il caos da anomalia a normalità”.

Angela Sorrentino

Laureanda, content writer professionista, in attesa di patentino giornalista pubblicista, si occupa principalmente di contenuti legati alla sanità italiana e alla tecnologia.

Potrebbero interessarti

La birra potrebbe essere un alleato contro l’eiaculazione precoce

Migliaia di uomini nel mondo soffrono di questa patologia, molto spesso sottaciuta…

Miracolo della scienza, paraplegico torna a camminare

La scoperta dell’Università della California, pubblicata sulla rivista scientifica  Journal of Neurongineering and Rehabilitation…

Gatti non sentono la mancanza del padrone

In base a un recente studio britannico i gatti non soffrirebbe di…

Sonniloquio, una parasonnia più diffusa di quel che si crede

Più noto con la locuzione “parlare nel sonno” che lo descrive, il sonniloquio è…