Cronaca

Stramilano, disabili e profughi protagonisti: 50mila persone in pista

Stramilano, disabili e profughi protagonisti: 50mila persone in pista

Disabili e profughi protagonisti alla Stramilano: 50mila persone in pista.

Domenica è stato il grande giorno della Stramilano, arrivata alla sua 46esima edizione.

E’ la corsa cittadina forse più famosa d’Italia, e quest’anno è stata dedicata a Fabio Cappello, un giovane concorrente che è morto proprio l’anno scorso alla fine della competizione.

Quest’anno la madrina della manifestazione è stata Giusy Versace, la campionessa paraolimpica.

Insieme con lei, l’Associazione Disabili no limits Onlus e altre, a significare la voglia di competere, di gareggiare e di essere presenti come portatori di disabilità anche nel mondo dello sport.

Ma forse la cosa più bella quest’anno è stata la partecipazione di tanti corridori fra i richiedenti asilo della Caserma Montello e di altri centri di accoglienza.

A cento di loro è stato fornito anche l’equipaggiamento sportivo da parte del Comune.

Immaginiamo la schiuma di rabbia di personaggi come Matteo Salvini, rispetto a questi gesti di solidarietà.

Tre le corse: la 5, la 10 e la 20 chilometri. Per tutti l’arrivo è stato all’Arena civica, con relativa cerimonia di premiazione.

Per la cronaca, a vincere la 20 chilometri maschile è stato il Kenyota Fredrik Moranga, con il tempo di un’ora, un minuto e 20 secondi.

About the author

Eleonora Gitto

Eleonora Gitto

Appassionata di politica ed economia, content writer e giornalista, ama anche il tech.

Add Comment

Click here to post a comment