Tasse, ecco la differenza tra imposte dirette e indirette

La cosa certa è che lavoriamo quasi mezzo anno solo per pagare tasse ed imposte e il cuneo fiscale è tra i più alti d’Europa, nonostante a fronte non abbiamo servizi e infrastrutture che giustifichino tali imposizioni.

Ma, alla fin fine, sappiamo esattamente cosa andiamo a pagare?

In Italia le imposte si dividono essenzialmente in due grandi gruppi: le imposte dirette e quelle indirette.

Si definiscono diretti quei tributi in cui gli elementi che permettono di calcolare la base imponibile sono indicatori di tipo diretto, come: il patrimonio e i suoi incrementi di valore ed il reddito. In altre parole, le imposte dirette vengono immesse direttamente sul denaro che una persona produce in un dato momento e sul patrimonio già accumulato.

Le principali imposte dirette sono l’Irpef, l’Imposta sul Reddito delle Persone Fisiche, che è progressiva, cioè al crescere del reddito imponibile aumenta il valore delle aliquote da applicare sulle ulteriori quote di reddito; l’Ires, l’Imposta sul Reddito delle Società, che è invece proporzionale e cioè, a differenza dell’Irpef, l’aliquota è fissa e non muta al variare del reddito imponibile; l’Irap, l’ Imposta Regionale sulle Attività Produttive, anche questa proporzionale, che grava sui «redditi» prodotti nell’esercizio di imprese, arti e professioni.

Le imposte indirette invece non colpiscono direttamente le ricchezze possedute ma dipendono piuttosto dal consumo di beni e servizi, trasferendosi in modo indiretto da chi deve pagarle al consumatore.

Sono due le principali, ossia l’iva e le accise sulla benzina. Le aliquote Iva previste in Italia sono tre: ordinaria del 22%, oppure quelle ridotte del 4% e del 10%.
Da citare tra le imposte indirette anche l’imposta di registro, quella di bollo e quella sulle successioni e sulle donazioni.

Next Post

Droghe, quali sono le più pericolose al mondo?

Negli ultimi mesi si sta discutendo molto sulla marjuana e sulla sua pericolosità: può essere veramente considerata una droga leggera o al contrario ha gli stessi rischi e crea la stessa dipendenza di tante altre sue “colleghe”? Certo conta molto con che cosa la si paragona. Esistono infatti delle droghe, […]