Terra: Allarme solo il due per cento è ecologicamente intatto

Redazione

Solo una porzione stimata tra il 2% e il 3% della superficie emersa della Terra può ancora essere considerata ecologicamente intatt , secondo un nuovo studio pubblicato su Frontiers in Forests and Global Change.

Questa percentuale è drasticamente inferiore rispetto alle valutazioni precedenti, che stimavano essere compresa tra il 20% e il 40%, perché ha tenuto conto della perdita di specie da habitat ancora intatti, nonché della riduzione delle popolazioni di specie. Un approccio di ripristino specie-specifico per un habitat intatto potrebbe ripristinare l’integrità ecologica di circa il 20% della terra.

Terra Allarme solo il due per cento ecologicamente intatto

Più di 30 anni fa, le aree selvagge, aree naturali che non sono state modificate in modo significativo dall’uomo, sono state identificate come priorità per le azioni di conservazione e protezione. Solo di recente c’è stata una spinta a definire come misurare la fauna selvatica, con un focus sugli habitat intatti. L’integrità degli ecosistemi naturali è stata riconosciuta anche dalla Convenzione delle Nazioni Unite sulla diversità biologica come un obiettivo importante nel quadro della biodiversità globale post-2020.

Sappiamo che l’habitat intatto è sempre più persa ed i valori di habitat intatti sono stati dimostrati sia per la biodiversità e la gente”, ha spiegato il dottor Andrew Plumptre del Segretariato per la chiave Biodiversità Aree a Cambridge, autore principale dello studio. “Ma questo studio ha scoperto che gran parte di ciò che consideriamo habitat intatto sono specie perdute che sono state cacciate da persone o perse a causa di specie invasive o malattie“.

Attualmente non esiste una definizione comune di integrità. Le valutazioni precedenti, incentrate sulla mappatura dell’influenza umana sull’integrità dell’habitat, hanno creato mappe dell’impatto antropico che stimavano indipendentemente che tra il 20% e il 40% della superficie terrestre del pianeta rimane libera da disturbi umani significativi come gli insediamenti umani, strade, luci artificiali ed inquinamento acustico.

Come punto di riferimento, gli autori hanno scelto il 1500 d.C., poiché questa è la data di riferimento per la valutazione delle estinzioni delle specie all’interno della Lista Rossa IUCN delle specie minacciate. Oltre all’integrità dell’habitat, gli autori hanno anche valutato l’integrità della fauna (cioè nessuna perdita di specie animali) e l’integrità funzionale (nessuna perdita di densità degli animali al di sotto di un livello che influirebbe sul buon funzionamento di un ecosistema).

Gli autori hanno esplorato come l’applicazione di queste 3 misure di integrità riduce il numero di siti che potrebbero essere qualificati secondo il Criterio C. Hanno scoperto che solo dal 2% al 3% della superficie terrestre si qualifica se il Criterio C è definito come siti funzionalmente intatti, 10 volte meno di quanto stimato in precedenza.

È preoccupante che solo l’11% dei siti misurati sia coperto da aree protette. Molte delle aree individuate coincidono con territori gestiti da comunità indigene, che svolgono un ruolo cruciale nel loro mantenimento. “Le aree identificate come funzionalmente intatte includono la Siberia orientale e il Canada settentrionale per i biomi boreale e della tundra, parti delle foreste tropicali del bacino amazzonico e del Congo e il deserto del Sahara“, secondo gli autori.

Gli autori affermano che fino al 20% della superficie terrestre del pianeta potrebbe essere ripristinata all’integrità della fauna selvatica reintroducendo solo poche specie nell’habitat intatto rimanente.

Plumptre ha chiarito: “I risultati mostrano che potrebbe essere possibile aumentare l’area con integrità ecologica fino al 20% attraverso specifiche reintroduzioni di specie che sono andate perdute in aree in cui l’impatto umano è ancora basso, purché le minacce alla loro I numeri di sopravvivenza possono essere avvicinati e ricostruiti a un livello in cui assolvono alla loro funzione funzionale ”.

fonte@Europapress

Next Post

La stazione spaziale filma uno strano oggetto alle sue spalle

Il misterioso oggetto è stato avvistato mentre sfrecciava oltre la capsula Dragon di SpaceX non lontano dalla Stazione Spaziale Internazionale. Il video è stato condiviso dal canale di Mr MBB333, l’autore è convinto di aver trovato un UFO triangolare sospeso dietro la navicella spaziale Crew Dragon di SpaceX mentre attraccava […]
La stazione spaziale filma uno strano oggetto alle sue spalle