Thailandia, truffatore condannato a 13mila anni di carcere

Redazione

Il tribunale thailandese ha condannato un truffatore per un totale di 13.275 anni di prigione.

Thailandia: il tribunale ha condannato un truffatore ad un totale di 13.275 anni di prigione, secondo quanto riferito dai media locali.

Pudit Kittithradilok, 34 anni, ha ammesso venerdì scorso in tribunale, di aver condotto uno schema Ponzi con il quale ha promesso agli investitori alti ritorni finanziari, come riferisce la BBC. Circa 40.000 persone sono state invogliate a versare più di 160 milioni di dollari nelle sue aziende.

La corte ha scoperto che si occupava di prestiti illeciti e aveva commesso oltre 2653 atti di frode. Grazie alla sua confessione, la corte ha dimezzato la sua condanna a 6.637 anni e sei mesi.

I pubblici ministeri hanno detto alla corte che Pudit ha organizzato seminari in cui i partecipanti sono stati incoraggiati a investire in quelle che, a suo dire, erano attività legate allo sviluppo immobiliare, alla bellezza, al mercato delle auto usate e alle esportazioni, tra le altre cose.

Secondo il quotidiano Bangkok Post, agli investitori sono stati promessi rendimenti generosi, oltre a incentivi per l’ingresso di nuovi membri. Pudit era detenuto nella prigione Remand di Bangkok dal suo arresto avvenuto ad agosto, quando gli è stata negata la libertà su cauzione, secondo quanto riferito dalla BBC.

Il tribunale ha multato le sue due società per un equivalente di 20 milioni di dollari ciascuna. Pudit e le sue imprese sono stati condannate a rimborsare circa 17 milioni di dollari alle 2.653 vittime identificate, con un interesse annuo del 7,5%.

Next Post

Inquinamento, ecco le città da cui stare alla larga

Diciamoci la verità, sono veramente pochi ormai i luoghi al mondo veramente incontaminati, dove si può essere certi di respirare aria pura e bere acqua cristallina, ma parallelamente ci sono anche alcune città che sono molto più inquinate di altre, dove addirittura si fa fatica a respirare. Naturalmente le città […]