Tiziano Ferro, lettera commossa per la morte di una piccola fan

Linda non vedeva l’ora di arrivare, per poter prendere posto, magari il più avanti possibile e contare i minuti che la separavano dall’arrivo sul palco del suo beniamino, ma purtroppo un terribile incidente ha stroncato la sua giovanissima vita: a soli 8 anni Linda è stata vittima di un incidente mentre andava al concerto di Tiziano Ferro.

Alla guida dell’auto, una Mini Cooper, si trovava la mamma della bambina che per evitare un tamponamento è stata a sua volta tamponata da un furgone guidato da un 35enne che è stato indagato. Nel tratto di autostrada che collega la Versilia con la Firenze-Mare non c’è neppure la corsia di emergenza e quindi per la piccola non c’è stato nulla da fare.

Raggiunto dalla notizia, Tiziano è stato colpito profondamente da questa morte, soprattutto perché la piccola si stava recando da lui, per sentirlo cantare, assistere magari al suo primo concerto.

Il cantante ha espresso tutto il suo dolore con una lettera inviata ai genitori e che è stata resa pubblica ai funerali della piccola che si sono svolti nella chiesa di San Giuseppe a Prato.

Durante il funerale erano presenti amici, compagni di scuola e semplici persone che volevano salutare Lidia per l’ultima volta. La chiesa infatti, era stracolma oltre che di gente, anche di tantissimi messaggi di conforto.

«Le parole non bastano ad esprimere l’affetto e il senso di vicinanza che provo per i familiari che stanno sopportando questo assurdo dolore. – ha scritto Tiziano Ferro – Il vostro angelo riposa in pace, vi auguro di trovare presto la serenità che meritate. A voi e a Linda oggi vanno le mie preghiere».

In chiesa, durante la missiva di Tiziano Ferro è stata cantata anche “Potremmo ritornare”.

Loading...
Potrebbero interessarti

La donna con i peli sotto le ascelle? Disgustosa e uno spot fa indignare

Un normalissimo spot pubblicitario fa indignare gli utenti sui social per un…

Antonella Clerici beccata di sera col suo ortopedico

A quanto pare, mentre alla maggior parte di noi l’anno nuovo ha…