Valerio Scanu orgoglioso di essere icona gay ma nessun coming out

L’esperienza sanremese non è poi andata così bene: Valerio Scanu si è infatti classificato solo 13 esimo durante quest’ultima edizione del Festival di Sanremo, eppure a tener banco non è la sua canzone, che può essere piaciuta o meno, ma il suo orientamento sessuale dimostrando ancora una volta, semmai ce ne fosse bisogno, quanto bigotta può essere questa nostra Italietta che proprio non riesce a far passare il decreto legge sulle unioni civili delle coppie omosessuali.

Durante un’intervista a Il Secolo XIX, l’ex concorrente di Amici ha specificato ancora una volta di non voler parlare della sua vita sessuale, precisando: “Con chi vado a letto sono fatti miei”.

L’ammissione che la sua partecipazione al festival canoro è stata sostenuta anche dalle comunità omosessuali non ha nessun tipo di connessione con la sua vita privata: “sono davvero sostenuto dalla comunità gay, lesbian, bisex e trans, e ne sono orgoglioso”, dice Scanu.

Una conferma di quanto aveva già spiegato alcuni giorni fa a Diva e Donna quando aveva ammesso di essere “fidanzato e innamorato da due anni. Ma non avrete né un nome né un outing”.

Next Post

Perfetti sconosciuti, ottima partenza al box office

“Perfetti sconosciuti”, il film di Paolo Genovese, ha debuttato come primo al box office italiano del weekend, incassando 3.330.000 euro, con media di 6.300 euro per 526 sale, scalzando addirittura “The Hateful Eight” di Quentin Tarantino, sceso in seconda posizione, alla seconda settimana di proiezione. Il suo nell’ultimo weekend è […]