Tomatina, quali sono le sue origini?

In giro per il mondo ce ne sono tantissimi di festival e feste strambi e molto caratteristici, e la maggior parte girano attorno al cibo e alla sua valorizzazione, ma ben pochi sono singolari e folkloristici come la celebre “Timatina spagnola”.

Assolutamente da andarci almeno una volta nella vita, la Tomatina è un festival che si tiene nel comune spagnolo di Buñol (Comunità Valenciana), l’ultimo mercoledì di agosto di ogni anno.

In poche ore la località, situata a circa 40 km da Valencia, si trasforma in un immenso teatro di scontri, e le “armi” come dice il nome stesso sono pomodori: migliaia di persone giungono da tutto il mondo per tirarseli addosso, riempiendo le strade di uno spesso strato di polpa rossa.

La festa della Tomatina è nata casualmente nel 1945: alcuni giovani che si trovavano nella piazza del paese iniziarono a tirarsi dei pomodori, presi da una vicina bancarella di verdure. L’episodio terminò con l’intervento della polizia che disperse i protagonisti, ma l’anno seguente si ritrovarono per riprendere la lotta, questa volta portando da casa intere casse di pomodori.

Da allora, di anno in anno, è diventata un’abitudine che si ripete ogni anno, diventando un appuntamento particolarissimo e che ha reso celebre la cittadina che la ospita.
Tutto l’evento si svolge in circa un’ora, tempo al termine del quale vengono esplosi altri 2 colpi di pistola, che segnano l’inevitabile fine del lancio di pomodori.

La festa è gratis per gli abitanti del posto, mentre i turisti, che rappresentano circa i due terzi del totale dei frequentatori del festival, devono pagare la somma minima di 10 euro. La maggior parte dei turisti arrivano da Regno Unito, Stati Uniti e Giappone.

Next Post

Fontana di Trevi, dove vanno a finire le monetine?

Tra i gesti più iconici e conosciuti dai turisti di tutto il mondo, che arrivano in gita od in vacanza nella capitale, c’è quello del lancio della monetina della Fontana di Trevi, un gesto scaramantico per chiedere fortuna ed esprimere un desiderio. Centesimi ma anche euro lanciati nella fontana, ogni […]