Torino, padre adottivo strangola figlio con un cavo del pc

Ormai sembra assodato che non si nasce padri ma lo si diventa, come è anche unanimemente condiviso che il legame tra genitori e figli non è dato dal semplice sangue ma dal rapporto che si riesce a costruire.

Nel momento in cui si sceglie di adottare un bambino, per di più, sembra “scontato” che si ami un figlio tanto desiderato, “scelto”: probabilmente è per questo che la storia che arriva in queste ore da Torino pare ancora più terribile.

Il folle gesto è avvenuto precisamente a Sant’Antonino di Susa (Torino), in un’abitazione di via Superga 5: al culmine di un litigio un uomo, Flavio Forla di 70 anni, ha strangolato suo figlio adottivo con un cavo del pc e poi ha allertato le forze dell’ordine.

L’omicida è un dentista in pensione incensurato ed ex vicesindaco del paese, mentre la vittima, Giacomo, di 36, soffriva di crisi depressive.

Il giovane aveva vissuto qualche anno a Lucca poi era tornato a vivere assieme ai genitori.

“Forla gli è sempre stato accanto e ha sempre cercato di aiutarlo – hanno raccontato alcuni conoscenti ai microfoni dei giornalisti -. Ultimamente le cose si erano aggravate e gestire Giacomo era diventato impossibile. Forla era dimagrito, non rispondeva nemmeno al telefono, non si faceva più vedere in giro”.

Next Post

Festival di Sanremo, chi vinse la prima edizione?

Anche se manca oltre un mese, l’attenzione sul prossimo Festival della Canzone italiana è già altissima, come anche le aspettative. Come abbiamo già appreso nelle scorse settimane, anche questa edizione sarà condotta da Claudio Baglioni che, invece delle storiche vallette, ha scelto di farsi accompagnare sul palco da Claudio Bisio […]