Trapianto, un solo fegato ha salvato due giovani vite

I medici sono costretti spesso a fare delle scelte dolorose: gli organi donati per i trapianti sono sempre troppo pochi a fronte di liste di attesa lunghissime, e bisogna quindi dare delle priorità, anche quando questo significa inevitabilmente condannare a morte chi non è stato selezionato.

I medici dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù per una volta però hanno deciso di non fare una scelta, e con un solo organo sono riusciti a salvare ben due giovanissime vite: un fegato è stato donato per metà a una bimba di solo un anno e l’altra metà a un ragazzino di 16 anni.

“Una scelta rischiosa dettata dall’urgenza delle condizioni cliniche dei due pazienti, in competizione per uno stesso trapianto. I due piccoli pazienti stanno bene e usciranno probabilmente dall’Ospedale pediatrico della Santa Sede nei prossimi giorni. Ci siamo trovati davanti ad una situazione difficile – spiega il prof. Jean De Ville, direttore del dipartimento Chirurgico del Bambino Gesu’ – ma anche un’opportunità che capita raramente: poter utilizzare contemporaneamente lo stesso organo per 2 bambini ricoverati, offrendo ad entrambi una prospettiva di vita e di guarigione”.

La divisione di un fegato per trapiantare due pazienti è una tecnica consolidata in Italia, uno dei Paesi dove questa procedura è stata maggiormente utilizzata al mondo. Dall’inizio dell’anno sono 17 i trapianti di fegato realizzati al Bambino Gesù, di cui 10 da donatore vivente, il numero più alto registrato in Italia.

Loading...
Potrebbero interessarti

Boom di botox per liberarsi dell’espressione arrabbiata

Un chirurgo estetico di New York ha rivelato che molti dei suoi…

Scienziati creano accidentalmente il siero dell’immortalità

Recenti studi condotti da scienziati hanno dimostrato che sarà possibile a breve…