Trovato fossile della pianta più antica: 1,6 miliardi di anni

Eleonora Gitto

Trovato il reperto fossile della pianta più antica: 1,6 miliardi di anni.

Alcuni scienziati del Museo di Storia Nazionale Svedese, hanno trovato in India un paio di fossili che sembrano avere una datazione di circa 1,6 miliardi di anni. I fossili probabilmente sono di alghe rosse.

Se la scoperta sarà confermata, in effetti, si tratterebbe delle piante più antiche mai trovate.

Ciò permetterebbe di retrodatare la presenza di organismi complessi di almeno 400 milioni di anni.

Il professor Stefan Bengtson, coordinatore della ricerca, così si è espresso: “Nei reperti non è presente Dna, ma le caratteristiche sono abbastanza in accordo con la morfologia e struttura delle alghe rosse”.

A fare materialmente la scoperta, è stata la dottoressa Teresa Sallstedt, che era in India centrale per studiare strati fossili di cianobatteri.

La dottoressa si trovava nella regione di Chitrakoot. Dice la studiosa: “Ero così emozionata che ho dovuto fare il giro dell’istituto tre volte prima di comunicare al mio supervisore ciò che avevo visto”. 

A confermare la datazione di 1,6 miliardi di anni è stata l’analisi radiometrica. L’unica cosa che rimane nel dubbio, in assenza di Dna, è l’esatta natura del fossile.

Next Post

Depeche Mode, la band torna con Spirit e un mega tour

Tornano i Depeche Mode con il loro quattordicesimo album, Spirit, e un mega tour. Gli anni 80 da un punto di vista musicale hanno prodotto tante brutte cose. Dopo l’esplosione e il fermento creativo incredibile degli anni 70, c’è stata una sorta di riflusso, di assestamento in negativo, rispetto al […]
Depeche Mode, la band torna con Spirit e un mega tour