Tunguska, si fa a gara per spiegare il mistero

Redazione

Alcuni anni fa un gruppo di scienziati ha studiato i laghi Zapovednoye e Cheko; gli esperti hanno quindi prelevato campioni di sedimenti sul fondo dei serbatoi.

Lo scopo della spedizione era uno: rilevare tracce del meteorite Tunguska.

L’evento di Tunguska fu una grande esplosione avvenuta vicino al fiume Podkamennaya Tunguska nel Governatorato di Yeniseysk (ora Krasnoyarsk Krai), in Russia, la mattina del 30 giugno 1908.

L’esplosione nella Taiga siberiana orientale scarsamente popolata ha appiattito circa 80 milioni di alberi su un’area di 2.150 km2 (830 miglia quadrate) di foresta, e rapporti di testimoni oculari suggeriscono che almeno tre persone siano morte nell’evento.

Ad oggi, ci sono puzzle che rimangono irrisolti. Ad esempio, per così tanti anni, gli scienziati non sono stati in grado di trovare un meteorite.

L’evento Tunguska (foto@Wikimedia)

Per molto tempo, tutti hanno pensato che il misterioso corpo cosmico sia caduto nel lago Cheko, poiché è troppo rotondo e ha una strana forma di fondo (conica). Inoltre, nel 1929, il lago non era sulle mappe.

L’attenzione degli scienziati russi e italiani si è spostata sul vecchio lago Zapovednoye, che esiste da 2000 anni.

Come si è scoperto, c’è davvero qualcosa di interessante nella parte inferiore del serbatoio. Uno degli strati del fondo ha un colore più chiaro, inoltre, presenta differenze significative rispetto ad altri depositi lacustri.

Secondo gli esperti, è in questo strato che possono essere rilevate particelle di meteorite.

Next Post

Anno bisestile, la teoria dei 300 anni persi

Il giorno 29 febbraio, ha riacceso l’interesse per una bizzarra teoria che afferma che un pezzo di storia mondiale di 300 anni è stato completamente “fabbricato” ad arte. Le persone danno per scontato il calendario gregoriano, pensando che sia infallibile, dunque quasi ogni quattro anni, arriva il 29 febbraio per […]
Anno bisestile la teoria dei 300 anni persi