Uccide la figlia malata di cancro e riesce ad evitare il carcere

Il dottore che ha soffocato la figlia adolescente ammalata di cancro con un sacchetto di plastica è riuscito ad evitare il carcere.

Mehrnaz Didgar, 51 anni, ha ricevuto una condanna a cinque anni sospesa per l’omicidio di sua figlia Eline, di 14 anni.

Il neurochirurgo di fama internazionale che ha soffocato la propria figlia affetta da cancro con un sacchetto di plastica, ha evitato la prigione nonostante sia stato riconosciuto colpevole di omicidio.

Il tribunale di Leuven, una città nella provincia belga del Brabante fiammingo, riteneva che vi fossero circostanze attenuanti che causarono la morte di Didgar.

Il giudice Peter Hartoch lo definì “il processo più pesante e difficile della sua carriera“, ma disse che c’erano abbastanza ragioni per essere indulgenti, incluso “l’immacolato casellario giudiziario e il grande senso di colpevolezza“.

L’ufficio del pubblico ministero aveva raccomandato 26 anni di carcere mentre il suo avvocato Jef Vermassen ha chiesto una sospensione con la condizionale, affermando che “l’omicidio infantile è l’unico crimine commesso per amore“.

Eline è stata colpita da cancro alla tiroide all’età di sette anni, che secondo quanto riferito avrebbe messo a dura prova la ragazza ed era ancora più evidente nella sua adolescenza.

Sia Eline che sua madre erano gravemente depresse, Didgar ha portato a casa la medicina dall’ospedale universitario di Leuven dove ha lavorato e che ha poi usato per drogare Eline.

Hartoch disse: “Successivamente la soffocò con un sacchetto di plastica sulla bocca e sul naso tenendolo per quindici minuti“.

In seguito, Didgar ha chiamato un amico e gli ha detto cosa aveva fatto. Quando l’uomo ha chiamato la polizia per l’omicidio, Didgar è fuggito con la sua auto.

Un’ora dopo, la sua auto è stata avvistata sul ciglio della strada con una gomma a terra e danneggiata, Didgar riferì ai poliziotti arrivati sul luogo: “Ho guidato su un ponte, volevo morire“.

Didgar ha affermato che sua figlia le aveva chiesto più volte di voler morire.

Il medico ha detto alla corte: “Ha detto ‘perché dovremmo aspettare la morte? Voglio morire ora’. Ha anche detto che non ha mai voluto sposarsi o avere figli“.

Ero vuoto, senza vita, prendevo medicine che spesso sottoscrivo ai pazienti, credevo che entrambi dovevamo morire, tutto andava bene, tutti i pezzi cadevano insieme“.

Dopo la condanna, Didgar ha dichiarato in tribunale: “Non avrei mai pensato di ottenere una seconda possibilità, la prenderò con entrambe le mani“.

Se potessi tornare indietro nel tempo, non sarebbe mai successo, fin dall’inizio, odiavo essere visto come un assassino“.

Loading...
Potrebbero interessarti

Dal 2033 le rivelazioni: Vivremo sott’acqua per il sovraffollamento

Dal 2033 le rivelazioni affermano che gli umani vivranno sott’acqua nel prossimo…

Test matematico: Riesci a risolvero in pochi secondi?

Riesci a risolvere questo test matematico? La soluzione è molto semplice ma…