Ucciso dall’esplosione della sua sigaretta elettronica

Redazione

Ucciso dall’esplosione della sua sigaretta elettronica.

E’ accaduto negli Stati Uniti a Dallas per la precisione, l’uomo è stato ucciso dall’esplosione della sua sigaretta elettronica, secondo la perizia medico-legale effettuata sul corpo.

La perizia ha evidenziato che la carotide sinistra è stata recisa proprio a causa dell’incidente accaduto alla sua sigaretta elettronica, lo rivela il comunicato dello sportello dei diritti:

Le sigarette elettroniche sono spesso pubblicizzate come “un’alternativa più sana” al consumo tradizionale di tabacco, una tesi che avrebbe sostenuto il 24enne fumatore accanito di Dallas, negli Stati Uniti, prima che la sua sigaretta elettronica gli esplodesse in bocca.

Il giovane in seguito all’esplosione, ha riportato il taglio netto della carotide sinistra causato da un frammento di metallo lungo 7 centimetri. Immediatamente, l’uomo gravemente ferito è stato portato in Ospedale dove invano i medici hanno tentato di asportare il frammento di metallo dal collo.

Nonostante tutto, è morto. Quando è avvenuta l’esplosione, ha riferito sua nonna alla stampa, la vittima era parcheggiata di fronte a un negozio di sigarette elettroniche. Le sigarette elettroniche sono già state la causa di molti incidenti negli Stati Uniti e addirittura un altro caso aveva avuto conseguenze fatali, quando un uomo di 38
anni è stato colpito da frammenti dall’esplosione di un vaper in Florida.

Next Post

Stai ingrassando? Colpa dello stress da lavoro

Lo stress da lavoro potrebbe essere uno dei principali fattori quando si comincia ad ingrassare. La conferma arriva da uno studio secondo il quale lo stress da lavoro sarebbe uno dei principali fattori per l’accumulo di grasso in particolar modo nelle donne. Pressione, agitazione, ansia da prestazione sono solo alcune […]