Un robot giocattolo per combattere l’obesità infantile

L’obesità, sempre più anche quella infantile, è una delle piaghe di questo millennio. I bambini, sempre più da giovanissimi, cominciano ad avere problemi col peso, a causa di un’alimentazione spesso ricca di grassi, cibi confezionati e bevande gassate, e ben poco movimento, con i pomeriggio all’aria aperta sostituiti dalle sessioni infinite dinanzi ai videogiochi.

Se gli esperti invitano i genitori a curare la dieta e le abitudini dei propri figli, per evitare che si trovino tutta la vita a combattere contro obesità e tutte le malattie correlate. Proprio qui in italia è stato appena creato e testato un robottino capace di insegnare ai bambini a mangiare meno e meglio.

Il progetto realizzato da un gruppo di studenti della Seconda Università di Napoli ha permesso di realizzare You, un robot giocattolo che permette ai più piccoli di riconoscere il senso di sazietà e di correggere le abitudini alimentari “sbagliate”. Il dispositivo è corredato di un bracciale che analizza i parametri metabolici e l’attività fisica svolta dai bambini, invitandoli a praticare sport in maniera regolare.

You è in grado di fare delle espressioni del viso ed esprimere frasi relative alle proprie sensazioni, come ad esempio ‘ho mangiato tanto’, ‘mi sento gonfio’, ‘basta stare fermo, ho voglia di muovermi!’.

Tra le altre funzioni, il bracciale rileva la vicinanza con altri bambini, aiutando il piccolo a socializzare e stimolando così il gioco collettivo. Seguendo un’alimentazione equilibrata e una corretta attività fisica, il sistema mette in palio dei punti e premi per i primi classificati.

Next Post

Agnese Renzi, una precaria assunta nella scuola

Agnese Renzi, moglie di Matteo, insegnante precaria di professione, sarà assunta nella scuola. Agnese Landini, questo il suo nome di battesimo, insegnerà Latino e Lettere probabilmente nei licei della Provincia di Firenze. Agnese ha tenuto a sottolineare, oltre al fatto che è contentissima per la fine della sua condizione di […]
Agnese Renzi, una precaria assunta nella scuola