Uno studio conferma le esperienze pre-morte

Redazione

I ricercatori dell’Università di Southampton hanno completato il più grande studio medico mai realizzato sulle esperienze di premorte (NDE) e le esperienze fuori dal corpo (OBE).

Da uno studio di quattro anni su oltre 2.000 persone in 15 ospedali nel Regno Unito, negli Stati Uniti e in Austria che sono “morte” per arresto cardiaco e sono state rianimate, hanno scoperto che quasi il 40% delle persone ha sperimentato una sorta di “consapevolezza” durante il tempo erano clinicamente morti e prima di essere rianimati.

Lo studio è innovativo in quanto smentisce il suggerimento che tali eventi siano allucinazioni o illusioni che si verificano mentre la persona è tecnicamente “viva“.

Uno studio conferma le esperienze pre-morte

Il professor Sam Parnia, professore della State University di New York, ha sottolineato che “sappiamo che il cervello non può funzionare quando il cuore smette di battere”.

Tuttavia, nonostante sia morto da diversi minuti senza alcuna attività cardiaca o cerebrale, un uomo di 57 anni ha ricordato di aver lasciato completamente il suo corpo e di aver assistito alla sua rianimazione dall’angolo della stanza. L’uomo ha raccontato, nel dettaglio, il funzionamento dei macchinari nella stanza nonché le azioni del personale infermieristico e dei medici mentre si adoperavano per riportarlo indietro.

“In questo caso, la consapevolezza cosciente sembra essere continuata per un massimo di tre minuti nel periodo in cui il cuore non batteva, anche se il cervello in genere si spegne entro 20-30 secondi dopo che il cuore si è fermato.

L’uomo ha descritto tutto quello che era successo nella stanza, ma soprattutto ha sentito due bip da una macchina che emette un rumore a intervalli di tre minuti. Quindi potremmo calcolare quanto tempo è durato l’esperienza. Sembrava molto credibile e tutto quello che diceva che gli era successo era successo davvero”.

Questa particolare istanza era importante perché forniva una misurazione oggettiva dell’evento NDE. Prima di questo, è stato suggerito da alcuni che le esperienze in relazione alla morte siano allucinazioni o illusioni o che si siano verificate poco prima di morire o dopo la rianimazione. Gli eventi che circondano il paziente di 57 anni hanno fornito prove concrete che l’esperienza di pre-morte si è verificata bene nella “fase della morte” e che gli eventi vissuti dall’uomo erano reali.

Le esperienze descritte dai sopravvissuti variavano, ma la maggior parte aveva un tema comune. Il venti percento dei soggetti ha descritto un senso di tranquillità e oltre il trenta percento ha descritto di entrare in un periodo in cui il tempo era alterato o irrilevante (cioè rallentava o accelerava).

Più di 1 su 10 ha descritto di essere separato dal proprio corpo e di entrare in uno stato di maggiore consapevolezza. Molti hanno descritto di aver visto una luce brillante o “lampo dorato” e una sensazione di deja-vu o vivido ricordo di eventi della vita passata.

Altri, invece, hanno descritto esperienze molto meno piacevoli. Sentimenti di paura e violenza o la sensazione di essere perseguitati erano temi comuni. Alcuni hanno raccontato sensazioni di soffocamento o annegamento, mentre altri hanno ricordato di essere stati trascinati in un mare di fluido profondo.

Lo studio AWARE (Consapevolezza durante la rianimazione) è stato importante perché per la prima volta è stata testata la validità delle esperienze utilizzando indicatori oggettivi per determinare se le affermazioni di consapevolezza erano eventi reali o allucinatori.

La ricerca ha scoperto che un’alta percentuale di persone ha esperienze di morte vivide. Lo studio ha anche suggerito che l’uso di sedativi o altri farmaci durante l’evento medico può far sì che i ricordi degli eventi inizino a svanire rapidamente in molte persone.

“Semplicemente non sappiamo cosa sta succedendo. Siamo ancora molto all’oscuro di cosa succede quando muori e speriamo che questo studio aiuti a illuminare una lente scientifica su questo” hanno spiegato i ricercatori.

Fonti: Università di Southampton

Next Post

Clima: Abbiamo superato il punto di non ritorno

I cambiamenti climatici hanno già messo in moto un meccanismo che cambierà totalmente il nostro pianeta. Gli scienziati dell’Università dell’Oregon hanno avvertito che abbiamo superato il punto di non ritorno nel cambiamento climatico. I risultati della loro ricerca sono pubblicati sulla rivista scientifica BioScience. Anche il blocco globale dovuto al […]
Clima Abbiamo superato il punto di non ritorno