Vaccini, escludere da scuola i bambini non vaccinati

La notizia è di quelle importanti, perché se è vero che i genitori sono liberi di fare le scelte che ritengono più appropriate per la crescita dei propri figli, è altrettanto indubbio che la libertà finisce dove inizia la sicurezza collettiva.

E l’istituto Superiore della Sanità è stato chiaro e tassativo: si deve assolutamente bloccare la terribile “moda” dilagante di non vaccinare i propri figli, causando il riscoppiare di virus fino a ieri quasi completamente debellati.

E le regioni sono scese in campo in prima persona, con la loro proposta: le regioni hanno approvato le nuove disposizioni, per le quali ci dovrà essere un tavolo specifico di discussione, che prevedono l’obbligo di essere vaccinati, per poter venire ammessi a scuola.

Ma con la legislazione attuale non è possibile negare il diritto allo studio alla materna o nella scuola dell’obbligo con una simile motivazione: occorrerà quindi l’impegno del Parlamento a varare una norma ad hoc che legittimi gli istituti scolastici a rifiutare l’iscrizione ai bimbi non sottoposti alle vaccinazioni obbligatorie.

Il piano regionale stabilisce anche delle sanzioni per i medici che sconsigliano i vaccini. Infatti prevede di effettuare una ricognizione delle possibili violazioni del supporto alla pratica vaccinale, anche per quel personale sanitario che è convenzionato con il Servizio Sanitario Nazionale.

Secondo il piano, ogni operatore è “eticamente obbligato ad informare, consigliare e promuovere le vaccinazioni in accordo alle più aggiornate evidenze scientifiche e alle strategie condivise a livello nazionale”.

Loading...
Potrebbero interessarti

Aids, inizia la sperimentazione del vaccino ideato da Robert Gallo

Purtroppo al momento non esiste nessun medicinale, in tutto il mondo, che…

Caciocavallo impiccato, ecco una gustosa tradizione del sud Italia

Fino a qualche anno fa era “relegato” in una zona circoscritta del…