Vaccini, una bimba vaccinata due volte con lo stesso farmaco

Un fatto gravissimo, che per fortuna non ha portato conseguenze gravi e permanenti alla neonata: un errore, umano, che però poteva costare una vita.

La storia è stata raccontata per prima dal quotidiano toscano Il Tirreno: una bambina di dieci mesi, che vive con i genitori a Seravezza (Lucca), era stata accompagnata dalla madre ad effettuare il vaccino antimeningococco B.

Era il 28 settembre quando la donna si era presentata con la figlioletta alla Asl presso la Croce Bianca nella frazione di Querceta. La dottoressa che si è occupata della vaccinazione, per una svista, ha invece somministrato alla piccola l’esavalente, lo stesso vaccino che le era stato iniettato circa due mesi prima.

Il medico che ha commesso l’errore si sarebbe accorto di quanto fatto soltanto nel momento in cui ha attaccato il bollino per l’attestazione dell’avvenuta vaccinazione sul libretto.

Il medico si difende: «Sbagliare è umano», avrebbe dichiarato. Tuttavia specie quando si tratta di bambini così piccoli, e dunque a rischio che vi siano delle complicanze anche gravi, questo non dovrebbe mai succedere.

La mamma della bimba ha definito quanto accaduto «un fatto gravissimo», anche perché spaventata dalle possibili conseguenze negative di una ripetizione dello stesso vaccino a distanza di poco tempo.

«Non riesco ancora a crederci, ci avevano convocato proprio loro per un vaccino specifico e lo hanno sbagliato» – ha dichiarato la donna – «Questo non è uno scherzo, i genitori devono essere consapevoli dei rischi e denunciare questi gravi errori, inaccettabili per chi si occupa della salute dei bambini».

I genitori hanno quindi denunciato quanto accaduto presentando un esposto all’azienda sanitaria locale.

L’unica nota positiva riguarda la neonata, che per fortuna, sta bene. Dopo aver atteso sei giorni, tempo limite in cui si possono verificare gli effetti collaterali più gravi, la bimba può essere dichiarata fuori pericolo. La piccola ha subito soltanto gli effetti collaterali tipici del post vaccino, come lieve febbre, inappetenza e un po’ di stress.

Next Post

Alcol, ragazzina in coma etilico a soli 13 anni

È possibile, a solo tredici anni, abusare talmente di alcol da ridursi addirittura in coma, con tutte le gravi conseguenze che uno shock del genere può provocare al fisico e alla normale crescita? Se a molti parrà assurdo, è quello che è capitato ad una ragazzina di Ancona, e a […]